Rubrica Fellon | Piloti tanto scarsi in F1 quanto forti altrove

La Formula 1 non è un posto per tutti. Moltissimi piloti la sognano, in pochi la raggiungono in tanti vengono silurati troppo presto. Oggi nella Rubrica Fellon parleremo di due piloti, scartati troppo presto, che in F1 han fatto bene ma altrove hanno fatto meglio.

Vettel riceve un passaggio da Wehrlein dopo l’incidente con Stroll al termine del GP di Malesia 2017. Foto: Autosprint.

Pascal Wehrlein: Rubrica Fellon  Piloti

Tedesco classe 94. Inizia la sua carriera come tutti nel Kart, poi passa alla Formula 3 Euro Series. Approda nel DTM, passa rapidamente per la F1 e poi approda in Fe. In Formula 3 arriva secondo. Nel DTM è il pilota più giovane ad ottenere una pole e una vittoria. Al terzo anno nella categoria si laurea campione del mondo. Poi decide di cimentarsi nella F1. In Manor, stravince il confronto con i due compagni di squadra Ocon e Haryanto. Con la Sauber la storia non cambia, continua a battere anche lo svedese Ericcson. Durante gli anni in cui è impegnato in F1 riesce ad andare a punti 3 volte, con scuderie da “Gp2 Engine”. Terminata la sua parentesi nel massimo campionato decide di staccarsi dalla casa di Stoccarda e di iniziare un percorso come simulatore della Ferrari ma sopratutto, pilota titolare in FE con la Mahindra. Qui fin’ora son arrivati risultati eccellenti. Nell’anno di esordio ( il pilota tedesco raccoglie (finora) 1 podio e 1 pole, lottando spesso per le posizione di vertice.  Rubrica Fellon  Piloti

Stoffel Vandoorne
Stoffel Vandoorne, Twitter

Stoffel Vandoorne: Rubrica Fellon  Piloti

Belga classe 92. Ovviamente kart, poi GP2, F1, Fe e Wec. Dopo gli ottimi risultati sui kart, passa alle monoposto dove al primo anno arriverà secondo dietro il mitico Palmer. Nel 2015 secondo anno del belga in GP2 apre il campionato con 3 pole e 4 vittorie nelle prime 4 gare. Tranquillo, vince il campionato dopo un’inizio scoppiettante. Legato alla McLaren dal 2013. Nel 2016 sostituisce Alonso e porta i primi punti alla scuderia, battendo il compagno di squadra, un certo Button. Poi nel 2017 la promozione/condanna a morte, diventa pilota titolare ma accanto ad Alonso. Complice la monoposto e il compagno di squadra la parentesi in F1 è un incubo. Pochi punti, miglior risultato ottenuto: 2 settimi posti. Scaricato per far posto a nuove promesse debutta nella FE ingaggiato dal HWA e nel Wec con la SMP Racing. In FE ottiene “solo” 1 podio ed 1 pole nell’anno di esordio. Nel Wec sempre all’esordio ottiene 2 podi in classe LMP1 (6 ore di Spa e 24 ore di Le Mans, non proprio pizza e fichi)

I due giovani son solo un esempio di quei piloti fin troppo bistrattati in F1 che nonostante gli ottimi risultati, vengono scaricati. Molti sono gli esempi di piloti “scarsi” in F1 che in altre categorie fanno bene o benissimo. Che la F1 non sia più la massima categoria ed espressione di bravura dei piloti?

Tutti gli appuntamenti della Rubrica Fellon: https://f1ingenerale.com/category/rubrica-fellon/amp/

Seguiteci anche sui nostri social: https://m.facebook.com/F1inGeneraleIT/

Paolo Mellone

Studente di lettere moderne appassionato di F1 ,dei grandi classici della letteratura e NERD incallito.