F1 | Tombazis: “Il piano è rendere le vetture 2026 molto più strette e leggere”

Secondo Nikolas Tombazis, direttore tecnico della divisione monoposto FIA, le vetture 2026 saranno molto più leggere e corte, e la riduzione delle dimensioni creerà l’opportunità di ridurre anche il peso complessivo.

Tombazis dimensioni vetture 2026
Secondo Tombazis, il piano è ridurre le dimensioni delle vetture 2026 © The Race

Ad aprile scorso, la FIA ha definito gli obiettivi principali per i regolamenti sui telai del 2026, che saranno introdotti insieme alle Power Unit di nuova generazione. Tra questi obiettivi, figurano le intenzioni di ridurre le dimensioni delle vetture e ridurre o contenere il peso delle vetture. Ma nonostante le preoccupazioni sull’inversione di tendenza verso vetture più grandi e pesanti, Tombazis è certo che si faranno progressi. Ciò è dovuto principalmente al fatto che una riduzione delle dimensioni delle vetture 2026 potrebbe creare un’opportunità di risparmio di peso di ben 35 kg, ha affermato Tombazis parlando con The Race.

È realistico avere vetture 2026 più leggere e corte secondo Tombazis

“È realistico alleggerirle un po”, ha dichiarato il tecnico FIA. “Non una quantità enorme; dobbiamo considerare che la differenza di peso dal 2000, diciamo 20 anni fa o giù di lì, è di circa 200 kg, che è un numero enorme. E di questi 200 kg, circa 100 provengono dalla Power Unit, quindi dalle parti elettriche, dalle batterie, dai turbocompressori e così via. Si tratta di un notevole aumento di peso”.

Nel corso del tempo, le vetture di Formula 1 hanno assunto dimensioni sempre più grandi, facendo si che anche il peso ne risentisse consistentemente. Il culmine è stato toccato con l’introduzione dei nuovi regolamenti ad effetto suolo, che hanno partorito vetture con un limite minimo di peso di 798 kg. In realtà, per gran parte della stagione, molti team hanno anche oltrepassato gli 800 chili, rendendo le vetture 2022 le auto più pesanti della storia dello sport a ruote scoperte.

“È necessario che la Formula 1 continui a essere rilevante per le direzioni della società. Mentre un appassionato di benzina vorrebbe un V10 e fine della storia, noi sappiamo che dobbiamo andare nella direzione in cui siamo andati. Quindi questo conta per circa la metà dell’aumento di peso”.


Dove può essere ottimizzato il peso sulle nuove vetture 2026

“Circa 50 kg sono destinati alla sicurezza. Quindi HALO, telai molto più robusti, protezioni più grandi e così via. Quindi, anche in questo caso, nessuno vorrebbe compromettere questo aspetto. Poi c’è l’opportunità di aumentare di circa 15-20 kg a causa dei sistemi più complessi sulle vetture e di circa 30-35 kg per le dimensioni delle vetture. Le auto sono molto più lunghe e più larghe, i pneumatici più grandi e così via”.

L’introduzione dell’HALO a partire dalla stagione 2018 ha contribuito enormemente a migliorare la sicurezza delle vetture in pista. Di contro, ha anche inevitabilmente contribuito ad aumentarne il peso. Il sistema protettivo pesa 9 kg, il che si va aggiungere ad altre recenti componenti, come le gomme da 18 pollici e le dimensioni maggiorate.

Tombazis aggiunge: ”Crediamo che le dimensioni delle auto rappresentino un’opportunità. Vorremmo che le vetture del 2026 fossero molto più corte e probabilmente anche un po’ più strette, e tutto questo conterrà l’aumento di peso. Dall’altro lato, c’è un aumento delle batterie perché stiamo passando all’elettrico, il che comporta un aumento di peso. Spero quindi che l’effetto netto sia un po’ più leggero, ma non in modo massiccio”.

Come è aumentato il peso delle vetture negli anni

Il peso delle vetture di F1 è aumentato drasticamente negli ultimi anni. Nel 2009, per l’ultimo anno con i rifornimenti in gara, il peso minimo era di 605 kg, con un aumento di soli 5 kg rispetto all’inizio del secolo. Il peso è salito a 642 kg nel 2013, l’ultimo anno prima del passaggio della Formula 1 ai motori turbo ibridi V6 da 1,6 litri. Attualmente, le vetture di F1 hanno una larghezza massima di 2000 mm. Questo valore è stato aumentato da 1800 nel 2017, mentre il precedente regolamento sulla larghezza era in vigore dal 1998 al 2016. Anche la lunghezza è cresciuta: 20 anni fa le auto erano lunghe meno di cinque metri, oggi sono ben più lunghe, anche se il regolamento di quest’anno prevede un passo massimo di 3600 mm.


Leggi anche: F1 | Wolff: “Con i nuovi regolamenti, nessuno vincerà più otto titoli di fila”


L’aumento di peso coporta che le auto sono diventate progressivamente più “pigre” nel comportamento di guida nel corso degli anni. Sebbene molti celebrino l’era del V10 per il suono del motore, la grande differenza visiva è in realtà nella nitidezza delle auto e nella velocità con cui caricano in curva. Le auto di oggi non sono più facili da guidare, ma hanno un aspetto meno spettacolare.

Questo ha portato a critiche sempre più forti da parte dei piloti, che attraverso l’Associazione dei Piloti applicano da tempo una politica di sensibilizzazione sul peso delle vetture, almeno per evitare ulteriori aumenti. Come affermato da Tombazis, l’aumento delle dimensioni e del peso è giustificato e le vetture di F1 non torneranno ai tempi in cui pesavano 600 kg o meno. Ma se la speranza di ridurre le dimensioni delle vetture funziona, allora i 30-35 kg di cui parla Tombazis potrebbero perlomeno ridurre alcuni degli aumenti degli ultimi 15 anni.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Tobia Elia

Classe 2000. Appassionatissimo di Formula 1 da sempre, aspiro a farne la mia professione. Studio International Communication in Olanda.