Superbike | BMW – Muir: “Stiamo lavorando per avere un team satellite nel 2021”

Muir, Team Principal di BMW in Superbike, ha rilasciato dichiarazioni riguardo la volontà di avere un team satellite nella possima stagione da parte della casa tedesca, sui problemi della moto e sui piloti che correranno per loro il prossimo anno.

 

BMW Superbike team satellite
Shaun Muir. Credits: Unknown

Con l’arrivo del Campionato Mondiale di Superbike in Aragona per il week end di gara al MotorLand Aragon, il Team Principal del BMW Motorrad WorldSBK Team Shaun Muir, si è espresso su quali miglioramenti sia necessario apportare alla S1000R-R, sulla possibbilità di creare un team satellite e su quali piloti comporrano la line up BMW nella stagione 2021. Con il solo van der Mark ufficializzato (quest’anno in forze al team ufficiale Yamaha),;rimane ancora una sella libera nel team della casa bavarese.

Con Tom Sykes che concquistò la pole per gara 1 nel GP australiano di Phillip Island, la stagione sembrava essersi messa sui binari giusti per BMW, senza contare che garantì a Sykes l’onore di raggiungere il traguardo delle 50 pole position in carriera nel mondiale. Il sesto posto nella Superpole Race rimane ad ora però il miglior risultato del team, con l’ inglese che si è ripetuto anche nei due round successivi. Per il compagno di squadra Eugene Laverty invece, il decimo posto di gara 1 a Portimao rimane il miglior piazzamento raggiunto quest’anno.

Tom Sykes in azione a Jerez. Credits: Unknown

Parlando della stagione da Jerez in poi, Muir dichiara: “Eravamo molto soddisfatti delle nostre performance prima di andare ad Jerez. Nel caldo di Jerez e Portimao ci siamo trovati in difficoltà, ma lo sapevamo già da prima che il calendario fosse reso ufficiale che sarebbe stato così. Non siamo neanche felici della nostra scarsa potenza, è una cosa che ci da molto fastidio. In un certo modo, penso che stiamo facendo ciò che ci aspettavamo, mo vogliamo vedere qualcosa di più nelle gare che rimangono. Nel frattempo stiamo già pensando ai prossimi test pre-stagionali e ad alcuni importanti miglioramenti per il prossimo anno.”

Sulla necessità di migliorare le performance, Muir aggiunge: “Ci serve migliorare qualcosina di elettronica, ma principalmete, sento di poter dire che per il 75-80% è potenza del motore ciò di cui abbiamo bisogno. Ovviamente abbiamo già pronto qualche upgrade, dobbiamo solo decidere quale sia il momento migliore per portarli, quando potrebbero darci più benefici. E’ questo il motivo per cui stiamo aspettando. Potrebbe anche essere che non li sveleremo prima dei prossimi test pre-stagionali. Ma effettivamente, siamo carenti di potenza e questo ci infastidisce.”

Un team satellite potrebbe sicuramente aiutare nello sviluppo, riuscendo a ricavare più dati da più moto. Questa è una cosa di cui BMW e Muir hanno già parlato: “Abbiamo avuto contatti con diversi team al momento, ma per ora vogliono concentrarsi sulle gare, come anche noi del resto.

Crediamo che non ci sarà nulla di fatto almeno fino a Magny-Cours, quando le varie situazioni finanziarie saranno più chiare. Ci sono un gran numero di team gia presenti nel paddock che hanno mostrato interesse verso il nostro progetto. In fondo, è una cosa dalla quale tutti possiamo trarre benefici. Vorremmo creare un team in WorldSSP (Campionato del Mondo Supersport) e uno in Superbike. Sicuramente sarebbero di grande aiuto per sviluppare al meglio la moto, ed è quello a cui stiamo aspirando ora.”

Parlando di chi affiancherà van der Mark il prossimo anno, Muir dichiara: “ Non sappiamo ancora chi correrà con Michael. È una decisione che prenderemo nelle prossime due settimane.”

SEGUI IL NOSTRO CANALE TELEGRAM CON TUTTE LE NOTIZIE SUL MONDO DELLE DUE RUOTE!!

Superbike | GP Aragona – Anteprima ed orari TV