Superbike | Ducati salta i test di Jerez

La casa di Borgo Panigale è ancora indietro nello sviluppo della nuova moto e nessuno dei quattro Team indipendenti ha ancora un pilota per la stagione 2021. Un caos che ha convinto Ducati a non scendere in pista nei test del 17-18 novembre a Jerez. Superbike Ducati Test

Credit: GPOne.com

La stagione 2021 del WorldSBK è pronta ad iniziare con i primi test pre-stagionali che si terranno sul tracciato di Jerez il 17 e il 18 novembre. Già confermata la presenza di Honda, Yamaha, BMW (con i soli Team ufficiali) e Kawasaki che, oltre a portare anche i Team Indipendenti, farà esordire la nuova moto.

La vera sorpresa è però l’assenza di Ducati che ha annunciato che non parteciperà ai test con nessun Team.

PERCHÈ DUCATI HA OPTATO PER QUESTA DECISIONE?

Una decisione inattesa che si collega però al grande caos che gira attorno sia al Team Aruba che ai quattro Team Indipendenti.

Il primo problema che bloccherà Ducati è la moto: la versione 2021 della Panigale V4R non è ancora pronta e da come dicono i tecnici non sarà pronta prima di gennaio. Proprio questo ritardo nello sviluppo ha convinto Ducati a non presentarsi ai test di Jerez. Per il Team di Borgo Panigale avrebbe poco senso girare con la moto versione 2020 che sarà sostituita per la prossima stagione agonistica.

Altro grande scoglio che blocca la preparazione al 2021 di Ducati è legato alla situazione piloti: solo il Team Aruba ha ufficializzato i propri piloti per la stagione 2021. Grande incertezza vige invece sopra ai Team Indipendenti che hanno ancora tutte e quattro le proprie selle vuote.

Diversi i nomi che potrebbero accasarsi in uno dei team non ufficiali Ducati: da Loris Baz, che sembra essere in contatto con il Team Barni, a Chaz Davies che sarebbe stato corteggiato dal Team GO Eleven, passando per Esteve “Tito” Rabat che una volta perso il posto in MotoGp potrebbe fare il salto nella Superbike.

A giocare a favore della Ducati c’è comunque il rinvio del GP d’Australia. La data di inizio del Mondiale 2021 dovrebbe così slittare da fine febbraio agli inizi di aprile, il che darebbe alla casa italiana qualche settimana in più per risolvere questa intrecciata situazione.

La corsa al titolo costruttori, sfumato quest’anno per un solo punto, e piloti sembra però già partire in salita per Ducati, considerando anche che Kawasaki, dominatrice degli ultimi sei anni, è già pronta a sfoggiare la Ninja versione 2021.

 

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

Superbike| Il GP d’Australia non aprirà il mondiale 2021

 

Riccardo Orsini

Marchigiano classe '99, sono cresciuto tra una pista di kart e una di motocross. Il motorsport è sempre stato parte integrante della mia vita e spero di condividere la mia passione ai lettori.