Superbike | GP Aragona – Sintesi Superpole: Rea in pole col record della pista!

Prima pole in carriera per Jonathan Rea sul circuito di Aragon. Il pilota inglese fa segnare anche il nuovo record della pista del circuito spagnolo. Alle sue spalle Baz e Redding. Ottima prestazione per Rinaldi (quinto), malissimo Razgatlioglu. Superbike Aragona Superpole.

Credit: WorldSBK.com

Un giro perfetto quello fatto segnare da Jonathan Rea in sella alla sua Kawasaki. Il pluricampione del Mondo ha infatti fatto segnare il nuovo record della pista del circuito di Aragon, tempo che gli è valso la Pole Position.

Distaccati di un paio di decimi si trovano poi Loris Baz e Scott Redding, che scatteranno in seconda e terza posizione.

Ottima prestazione per Micheal Ruben Rinaldi che scatterà dalla quinta casella. Grande rammarico per Tom Sykes che partirà quattordicesimo dopo la caduta nel suo giro lanciato.

Grande equilibrio comunque tra tutti i piloti, con i primi dodici racchiusi in un secondo.

SINTESI SUPERPOLE

Iniziano i 25 minuti di Superpole della Superbike con tutti i piloti che entrano in pista per prendere confidenza con l’asfalto. Le temperature si sono infatti drasticamente abbassate a causa del forte vento che fa capolino sul circuito di Aragon.

Il primo giro lanciato lo fa segnare Eugene Laverty in 1.50.933. Il tempo del pilota della BMW viene subito abbattuto da Chaz Davies (Ducati) e Alvaro Bautista (Honda) che fermano il cronometro sull’1.50.1.

Il primo pilota a scendere sotto il muro dell’1.50 è Jonathan Rea (Kawasaki). Il pilota in testa alla classifica generale fa infatti segnare un 1.49.913. Alle sue spalle si porta Micheal Ruben Rinaldi (Ducati) che precede le altre due Ducati di Davies e Redding.

Alle spalle del terzetto Ducati, dopo il primo run, si issa Alvaro Bautista che precede Tom Sykes (BMW). L’inglese è poi seguito dal terzetto Yamaha formato da Micheal Van der Mark, Loris Baz e Toprak Razgatlioglu. Chiude la Top 10 Alex Lowes (Kawasaki).

Migliora nel frattempo il suo tempo Rea che chiude il suo terzo giro lanciato in 1.49.790. Il tempo del pilota nord irlandese viene battuto da Chaz Davies che abbassa il tempo di riferimento in 1.49.729.

Alle spalle del pilota gallese sale Micheal Rinaldi che ferma il cronometro sull’1.49.740. I primi tre piloti sono ora racchiusi in 61 millesimi.

Negli ultimi 5 minuti i piloti escono nuovamente tutti in pista, questa volta però con la gomma da tempo montata sia all’anteriore che al posteriore.


Il primo a chiudere il tempo con questa gomma è Leon Haslam (Honda) che passa in prima posizione in 1.49.430. Il tempo dell’inglese viene subito battuto da Alex Lowes che scende in 1.49.225.

Pochi secondi dopo è Jonathan Rea a passare in testa alla classifica. Il pilota della Kawasaki fa segnare un 1.48.860 che vale anche come nuovo record della pista del circuito di Aragon.

Caduta nel frattempo per Tom Sykes che non riesce a far segnare il tempo con questa gomma super morbida.

Pole position quindi per Jonathan Rea, unico pilota a scendere sotto il muro dell’1.49. A far compagnia al pilota inglese in prima fila ci saranno Loris Baz (1.49.031) e Scott Redding (1.49.169).

La seconda fila è aperta da Alex Lowes (1.49.225) che precede Micheal Ruben Rinaldi, ancora una volta miglior italiano in pista (1.49.256) e Leon Haslam (1.49.430).

Alvaro Bautista apre poi la terza fila (1.49.470) che condividerà con Micheal Van der Mark (1.49.531) e Chaz Davies (1.49.543).

Chiude la Top 10 Garrett Gerloff in 1.49.627. Il pilota americano precede sulla griglia Toprak Razgatlioglu apparso in ombra per tutta la sessione (1.49.683).

Gli altri italiani sono Federico Caricasulo, sedicesimo, Marco Melandri, diciannovesimo e Lorenzo Gabellini ventitreesimo.

RISULTATI DELLA SUPERPOLE DEL GP DI ARAGONA DI SUPERBIKE:

Superbike Aragona Superpole
Credit: WorldSBK.com

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

Superbike | BMW – Muir: “Stiamo lavorando per avere un team satellite nel 2021”

Riccardo Orsini

Marchigiano classe '99, sono cresciuto tra una pista di kart e una di motocross. Il motorsport è sempre stato parte integrante della mia vita e spero di condividere la mia passione ai lettori.