Superbike | GP Catalogna – sintesi Superpole: Rea si prende la Pole sul finale e beffa Rinaldi. Delude Redding che partirà settimo

Jonathan Rea, dopo una sessione difficile, tira fuori il più classico dei conigli dal cilindro e si prende la Pole Position del GP di Catalogna Superbike. Rinaldi, dopo aver assaporato la Pole, si classifica sesto. Deludenti le prestazioni delle Ducati ufficiali.

GP Catalogna Superbike
Foto: profilo Twitter @KRT_WorldSBK

Nelle Prove Libere di ieri, la cui seconda sessione è stata quasi neutralizzata dalla pioggia che è caduta abbondantemente sul Montmelò, hanno visto protagoniste le Yamaha. Il pilota più veloce è stato Toprak Razgatlioglu, seguito dal compagno di squadra Van Der Mark, e dal pilota GRT Gerloff. Positive anche le prestazioni della Honda. Bautista, prima della simulazione del tempo di qualifica, era stabilmente in vetta alla classifica dei tempi e, nonostante sia uscito dalla top tre, ha chiuso con un’ottima quarta posizione. A deludere, invece, nelle Prove Libere del GP di Catalogna della Superbike, è stata Kawasaki. Il team giappo-spagnolo (che corre in casa visto che la sede è a pochi chilometri dal circuito di Barcellona), ha avuto non poche difficoltà e ha chiuso la prima sessione in quinta posizione, grazie a un colpo di reni finale.

La seconda sessione vede Rea primeggiare sulla pista bagnata. L’inglese ha dimostrato la sua forza e superiorità su una pista con condizioni estreme. Nel pomeriggio si prende, a sorpresa, la scena Manuel Cavalieri. Il pilota italiano, catapultato rapidamente dal CIV, al mondiale Superbike, ha segnato l’ottavo tempo con la Panigale V4R del team Barni. Il giovane pilota sostituisce, da questa gara, Marco Melandri che, dopo delle gare in salita, ha deciso di rescindere il contratto con Barni Racing.

La Superpole è stata una sessione atipica. Si è corso su una pista asciutta ma, vista la pioggia che è caduta ieri pomeriggio e nella nottata, è stata solo la seconda sessione asciutta del weekend. Questo  ha significato che le moto sono scese in pista senza un setup ideale e senza aver testato il comportamento e il rendimento delle gomme. Inoltre, la pista ha perso molta gommatura e i tempi, sono andati a migliorarsi progressivamente nel corso della sessione.

Il weekend del GP di Catalogna Superbike vede diverse novità nello schieramento. Oltre al già citato avvicendamento tra Melandri e Cavalieri in Barni, Lorenzo Zanetti sostituisce Leandro Marcado in Motocorsa (vista l’indisponibilità di Matteo Ferrari, impegnato in MotoE), Valentin Debise sostituisce Cortese sulla Kawasaki del Team Pedercini e, infine, Jonas Folger debutta nel mondiale con questa Wild Card sfruttata con una Yamaha del team MGM Racing.

Sintesi Superpole GP Catalogna Superbike


Rinaldi parte molto forte in questa Superpole e, dopo che i piloti hanno completato il loro primo giro veloce, si mette davanti a tutti.

Dopo metà sessione, nonostante gli sforzi delle Yamaha, di Ducati e di Honda, Rinaldi mantiene la vetta della classifica. La classifica, a 12 minuti al termine, recitava Rinaldi in pole, seguito da: Baz, Redding, Razgatlioglu, Bautista, Caricasulo, Davies, Van Der Mark, Haslam e Gerloff.

Risalta la mancanza di Rea nella top ten. Una situazione simile si era già presentata nella prima sessione di Prove Libere di ieri mattina, dove Rea ha avuto difficoltà per la maggior parte del tempo.

Con i piloti che rientrano in pista per il secondo run, si abbassano i tempi ed emerge la Yamaha 2019 di Gerloff. Lo statunitense è tra i piloti che stanno trovando il miglior feeling con la pista spagnola e si prende la prima posizione. Tuttavia, Rinaldi non ci sta e si riprende rapidamente la vetta nella classifica.

Il primo pilota a segnare un tempo con le gomme da qualifica è Leon Haslam. L’inglese non ha nessun problema a migliorare il tempo di Rinaldi e si mette primo con un tempo di 1.42.421.

A quattro minuti al termine, Bautista segna un tempo molto importante. Lo spagnolo gira in 1.41.757 e migliora di 4 decimi il miglior tempo segnato precedentemente da Redding che, a sua volta, aveva migliorato di due decimi il tempo di Haslam.

Jonathan Rea, all’ultimo momento e dopo una sessione non esente da difficoltà, si prende la pole. Il campione del mondo approfitta di una sbavatura di Rinaldi che, ancora una volta, era lanciato verso un ennesimo buon risultato.

Insieme a Rea, partiranno dalla prima fila Razgatlioglu e Bautista. La seconda fila verrà inaugurata da Sykes, seguito da Van Der Mark e Rinaldi che, causa l’erorre nell’ultimo tentativo, partirà sesto e avrà tanta fame e voglia di raggiungere le posizioni da podio. Solo settimo Scott Redding. L’inglese sarà chiamato a compiere l’ennesima gara in salita per cercare di guadagnare punti su un Jonathan Rea che, con tutte le probabilità, partirà forte e tenterà di fare il buco sugli inseguitori. Chiudono la top ten Lowes, Baz e Haslam. Gli italiani si qualificano tredicesimo con Caricasulo, diciassettesimo con Cavalieri e diciottesimo con Zanetti. Non ha preso parte alla qualifica Jonas Folger.

worldsbk.com

La Superbike tornerà in pista oggi pomeriggio per la Gara 1 del GP di Catalogna.

 

Seguici su Telegram

Superbike | Rea: “Rinaldi merita una Ducati ufficiale”

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico