Superbike | GP Estoril – Sintesi Superpole: prima Pole in carriera per Razgatliolgu

Il pilota turco conquista la prima pole di carriera sul circuito dell’Estoril. Seconda posizione per Haslam, terzo Gerloff. Superpole condizionata dalle cadute in cui incappano anche Rea e Redding. Superbike Estoril Superpole

Credit: WorldSBK.com

La più pazza qualifica dell’anno quella andata in scena sul circuito dell’Estoril. In una pista condizionata da un asfalto molto freddo sono le cadute a farla da padrone. Superbike Estoril Superpole

Tra le vittime spiccano i nomi di Scott Redding e Jonathan Rea. I due contendenti al titolo scatteranno rispettivamente ultimo e quindicesimo.

La pole è andata invece al pilota turco Toprak Razgatlioglu che conquista così la sua prima pole di carriera. Seconda posizione per Leon Haslam al suo miuglior risultato stagionale in Superpole. Terzo Garrett Gerloff che partirà per la prima volta dalla prima fila.

SINTESI SUPERPOLE

Bandiera verde sul circuito dell’Estoril con i piloti che scendono subito in pista per prendere confidenza con il freddo asfalto del circuito portoghese. Temperature che comunque sono in rialzo rispetto alla giornata delle Prove Libere dove a dominare è stato Scott Redding (Ducati).

Il primo pilota a passare sul traguardo è Eugene Laverty (BMW) che stampa un 1.39.007. Brutta caduta invece per Scott Redding che distrugge la moto dopo un highside in Curva 6 e senza neanche un giro veloce partirà ultimo per Gara 1.

Si abbassano nel frattempo i tempi con Jonathan Rea (Kawasaki) che fa segnare un 1.38.1 e passa davanti a tutti seguito dal suo compagno di team Alex Lowes. Il successivo passaggio è proprio Lowes a segnare il miglior tempo, scendendo sotto l’ 1.38.

Continuano nel frattempo le cadute con Jonathan Rea e Sylvain Barrier (Ducati) che finiscono a loro volta a terra. Grande paura il pilota francese che rimane immobile in pista. Proprio per questo motivo la direzione gara espone la bandiera rossa.

Poco dopo minuti, una volta pulita la pista, la sessione riprende con i piloti che entrano in pista molto più cauti. Il discorso non vale però per Jonas Folger (Yamaha) che firma un 1.37.1 e si mette davanti a tutto il gruppo. Il tempo del pilota tedesco viene battuto da Garrett Gerloff (Yamaha) che abbassa di un decimo il miglior riferimento.

Caduta anche per Loris Baz (Yamaha). Il pilota francese riesce a ripartire però senza troppe conseguenze. Passa in testa nel frattempo Chaz Davies (Ducati) che batte di pochi millesimi il tempo di Gerloff. Caduta anche per Matteo Ferrari (Ducati) che chiude anzitempo la sessione.

Ultimi sei minuti di Superpole con tutti i piloti che rientrano in pista con la gomma da tempo. Il primo a segnare un tempo con questa gomma è Tom Sykes (BMW) che sale in terza posizione. Migliora il suo tempo Chaz Davies che abbassa il riferimento in 1.36.8.

A battere il pilota gallese ci pensa Leon Haslam (Honda) che scende di 35 millesimi rispetto al tempo del pilota Ducati. Super tempo di Toprak Razgatlioglu (Yamaha) che scende in 1.36.1 e si porta davanti a tutti in classifica.

All’ultimo tentativo migliora anche Gerloff che sale in terza posizione e scalza Chaz Davies dalla prima fila.

Pole position quindi per Toprak Razgatlioglu che annichilisce la concorrenza dando sei decimi al secondo. Seconda posizione che risponde al nome di Leon Haslam, autore della sua migliore qualifica stagionale.

Terza posizione per Garrett Gerloff che ruba all’ultimo giro la prima fila a Chaz Davies, alla sua ultima qualifica con la Ducati ufficiale.

Quinta posizione per Micheal Ruben Rinaldi (Ducati) che precede Micheal van der Mark (Yamaha) in seconda fila.

Male i protagonisti per la lotta al titolo, entrambi condizionati da una caduta: Rea partirà quindicesimo mentre Redding scatterà dall’ultima casella. I due saranno chiamati ad una super rimonta che renderà ancora più spettacolare Gara 1.

RISULTATI SUPERPOLE SUPERBIKE GP ESTORIL:

Superbike Estoril Superpole
Credit: WorldSBK.com

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

Superbike | UFFICIALE: Locatelli nel Team Pata Yamaha insieme a Razgatlioglu

Riccardo Orsini

Marchigiano classe '99, sono cresciuto tra una pista di kart e una di motocross. Il motorsport è sempre stato parte integrante della mia vita e spero di condividere la mia passione ai lettori.