Superbike | GP Estoril – Sintesi Superpole Race: Rea trionfa dopo un finale thrilling con Razgatlioglu

Jonathan Rea trionfa nella Superpole Race del GP dell’Estoril Superbike. Il pilota nordirlandese approfitta di un errore di Razgatlioglu all’ultimo giro. Terza posizione per Bautista.

Superpole Race GP Estoril
Foto: profilo Twitter @KRT_WorldSBK

La seconda gara del weekend del GP dell’Estoril è la classica Superpole Race. Come sempre, la gara della domenica mattina decreterà la griglia di partenza per la Gara2 del pomeriggio.

La massima categoria delle derivate dalla serie giunge a questa corsa con la classifica generale che vede Bautista mantenere la prima posizione con 134 punti e ventisette di vantaggio su Jonathan Rea a quota 107. Rimane terzo e distanziato il Campione del Mondo in carica Razgatlioglu. Il turco “vanta” solo 84 punti.

Il weekend è iniziato con la prima sessione di Prove Libere, dominate da un Gerloff capace di girare in 1.36.572 e di rifilare subito due decimi da Razgatlioglu e oltre mezzo secondo da Bautista. Rea, invece, è partito in modalità diesel e ha saputo raggiungere solo il sesto tempo, a un secondo e uno dalla migliore prestazione. Nel pomeriggio, invece, è stato Razgatlioglu ha cogliere la migliore prestazione in 1.36.290, precedendo gli altri due pretendenti al titolo Bautista e Rea. Gerloff, invece, si accoda ai migliori tre, accusando un ritardo di quasi otto decimi dal primo.

Nella mattinata del sabato, infine, Razgatlioglu si è confermato migliore in pista, girando in 1.36.233 e confermando lo stesso livello nel time attack. A seguire il turco sono, ancora una volta, Rea e Bautista, attardati di tre e sette decimi.

La Superpole, come sempre, ha decretato la griglia di partenza di Gara1 e di Superpole Race. La Pole Position è andata al team Kawasaki e a Jonathan Rea che, in 1.35.346, precede Razgatlioglu e Bautista che lo hanno affiancato in prima fila. La seconda fila è andata ad appannaggio di Redding, Locatelli e Rinaldi, mentre dalla terza fila sono scattati Lecuona, Lowes e Laverty. Quarta fila, invece, Mahias, Vierge e Baz.

La Gara1 del GP dell’Estoril Superbike, dopo un lungo duello tra Razgatlioglu e Rea, quest’ultimo commette un errore, viene scavalcato da Bautista ed esce dalla lotta per la vittoria. All’ultima curva, Bautista ha studiato benissimo la traiettoria e del turco e lo ha infilato al fotofinish.

In questo weekend l’infortunato Tamburini è sostituito da Marvin Fritz, mentre non è in pista Van der Mark. Il pilota olandese di BMW ha rimediato la frattura al collo del femore che lo ha costretto ad alzare bandiere bianca. Nelle FP2 si è fermato anche Oettl. Il tedesco si è fratturato la clavicola ed è stato sostituito da Xavi Forés. Nelle FP3 è stato, invece, Gerloff a ritirarsi dal weekend dopo una caduta che ha dato problemi al suo ginocchio sinistro.

Sintesi Superpole Race GP Estoril Superbike


La Superpole Race del GP dell’Estoril Superbike si è corsa sotto un cielo nuvoloso, con pista umida e con temperatura atmosferica di 18°C per l’atmosfera e 22°C per l’asfalto. Nonostante le insidie, numerosi piloti hanno optato per le coperture slick.

La partenza premia Razgatlioglu e Rea. Bautista, invece, viene subito infilato da Redding e perde il podio. Alla curva uno, nelle retrovie, finisce a terra Lucas Mahias. La Kawasaki del francese viene distrutta e la sua gara finisce subito. Nel primo giro cade anche Marvin Fritz e Vierge. Al cavatappi Rea va lungo sul bagnato e rischia di perdere la posizione su Redding e Bautista. Quest’ultimo, sul traguardo, svernicia il pilota BMW.

Il primo passaggio del traguardo vede questa classifica: Razgatlioglu, Rea, Bautista, Redding, Lecuona, Locatelli, Lowes, Bassani, Baz, Laverty, Rinaldi, Nozane, Forés, Ponsson, Mercado, Konig, Vinales, Syarhin e Bernardi. Sul rettilineo che pone l’inizio del terzo giro Rea supera agilmente in accelerazione la R1 del turco Campione del Mondo.

Lecuona, che ha scelto le intermedia all’anteriore e le slick al posteriore, è il più veloce in pista nei primi giri e si attestava in quarta posizione a un secondo da Rea dopo i primi tre giri.

Rea, nel quarto giro, fa emergere qualche ulteriore dubbio sulla scelta delle slick andando lungo in un paio di occasioni. Qualche errore anche per Bautista che, nello stesso, perde un secondo in tre settori e si ritrova Lecuona francobollato al suo asse posteriore.

Il quinto giro inizia con la caduta alla uno di Baz che navigava in fondo alla top ten. Razgatlioglu e Bautista, in uscita dalla due, subiscono un forte scuotimento che rischia di buttarli a terra. Non riesce a evitare la caduta, qualche curva dopo, Laverty che, nonostante l’alta velocità, non ha subito conseguenze visibili. Nonostante ciò, il pilota è stato portato al centro medico per dei controlli.

Il sesto giro inizia con Razgatlioglu che prende l’interno del nordirlandese alla uno e, dopo un contatto carena contro carena, lo manda lo lungo. Dietro ai primi due, dopo un paio di giri trascorsi uno in scia dell’altro, Bautista arriva a mettere un secondo e tre su Lecuona.

Razgatlioglu, superato Rea, impone un ritmo irripetibile sul bagnato, girando in 1.37.042 e iniziando il settimo giro con un vantaggio di otto decimi sull’inseguitore.

Redding, partito bene, scende fino alla settima posizione dove, sul traguardo che poneva il via al nono giro, viene relegato dalla Kawa di Alex Lowes.

L’ultimo giro vedeva Razgatlioglu comandare su Rea che, al penultimo giro, segna il giro record della gara in 1.36.801. Nonostante gli sforzi del cinque volte Campione del Mondo, il vantaggio del turco rimane abbastanza ampio. Tuttavia, a un settore dalla bandiera a scacchi, succede l’imponderabile o quasi. In uscita dal cavatappi Toprak perde l’appoggio sulla pedana di destra e, come il Marquéz dei tempi migliori, fa leva su ginocchio e gomito sinistro per rialzare la moto e salvarsi da una caduta. Rea ne approfitta e, dopo l’ennesimo contatto stagionale,  supera il pilota con il numero uno sul cupolino. Nonostante un leggerissimo lungo all’ultima curva, Jonathan Rea trionfa nella Superpole Race del GP dell’Estoril classe Superbike.

Bautista conclude agevolmente in terza posizione, mentre Lecuona si accontenta della quarta. Completano la top ten Locatelli, Lowes, Redding, Rinaldi, Forés e Bassani. I restanti piloti al traguardo si sono classificati nel seguente ordine: Nozane, Ponsson, Vinales, Mercado, Bernardi, Syarhin e Konig.

worldsbk.com

La Superbike torna alle 15 per la Gara2 del GP dell’Estoril.

Seguici su Telegram

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico