Superbike | GP Francia – Sintesi Superpole: la pioggia fa bene a BMW! Primo Laverty, secondo Sykes

Giornata storica per la BMW che piazza i suoi piloti in prima e seconda posizione nella Superpole del GP di Francia di Superbike. Il più veloce in pista è infatti Eugene Laverty che precede Tom Sykes. Terza posizione per Jonathan Rea. Qualifica anonima, invece, per Scott Redding e Toprak Razgatlioglu.

Credit: Profilo Instagram: @eugenelaverty

Un lampo in una giornata uggiosa nelle colline francesi. È questa la perfetta metafora per descrivere la qualifica di Eugene Laverty. Il pilota irlandese, un po’ a sorpresa, si prende infatti la Pole del GP di Francia con un fantastico 1.48.644.

Seconda posizione per Tom Sykes che completa così la doppietta del Team BMW. Il pilota inglese precede il leader della classifica Jonathan Rea che ha però sbagliato i tempi di uscita nell’ultimo stint, negandosi la possibilità di un terzo giro veloce.

Pessima invece la qualifica di Scott Redding che partirà solamente in decima posizione.

SINTESI SUPERPOLE

Inizia la sessione di qualifica e tutti i piloti scendono in pista con le gomme da bagnato. La pista infatti, viste le grandi piogge di ieri e di questa mattina è ancora molto bagnata, mentre sul circuito inizia ad affacciarsi un timido sole che potrebbe portare la pista ad asciugarsi negli ultimi minuti.

Il primo pilota a fare segnare un giro veloce è Jonathan Rea (Kawasaki) che ferma il cronometro sull’1.51.2 Il tempo del nord-irlandese viene battuto da Alex Lowes (Kawasaki) che abbassa il riferimento di qualche decimo.

Continuano a migliorare i tempi dei piloti con Rea e Lowes che sono i primi ad abbattere il muro dell’1.51. Anche Loris Baz (Yamaha) al suo terzo giro lanciato scende sotto l’1.51, mettendosi così in terza posizione. Arriva sul traguardo anche Micheal Van der Mark (Yamaha) che fa segnare un 1.50.955 e sale così in quarta posizione.

Più passano i giri e più la pista migliora e così fanno anche i tempi dei piloti: a passare in testa è ora Rea che fa segnare un 1.49.295. Scalano posizioni anche il rientrante Leandro Mercado (Ducati) e Scott Redding (Ducati) che salgono in quarta e quinta posizione. Tra i due si piazza poi Micheal Ruben Rinaldi (Ducati).

I tempi del pilota italiano vengono però subito migliorati da Van der Mark e Garrett Gerloff (Yamaha) che salgono in quinta e sesta posizione. Il pilota americano continua a migliorare i suoi tempi, salendo in terza posizione.

Gerloff continua a migliorare i suoi tempi e passa in Pole quando mancano 5 minuti alla fine della sessione. La gioia del pilota americano dura pochi secondi con Tom Sykes (BMW) che con un quarto settore impressionati passa davanti a tutti.

Il tempo del pilota inglese viene battuto dal suo compagno di team Eugene Laverty che ferma il cronometro sull’1.49.122. Passano pochi secondi ed è Lowes a far segnare il miglior tempo in 1.49.060.

L’ultimo tentativo, con la pista che va a migliorare è quello decisivo: Gerloff è il primo a migliorare e il suo tempo e passa in testa in 1.49.012. Il tempo dell’americano viene battuto dalle BMW di Laverty e Sykes con l’irlandese che fa segnare un 1.48.644. Terza piazza invece per Alex Lowes. Arriva poi Jonathan Rea che passa terzo davanti al suo compagno di Team.

La Superpole si chiude quindi con la Pole di Eugene Laverty che batte il suo compagno di Team Tom Sykes per una storica doppietta della BMW. Chiude la prima fila Jonathan Rea.

Quarta posizione per Alex Lowes che condividerà la seconda fila con Garrett Gerloff e Micheal Van der Mark.

Settima piazza per Micheal Ruben Rinaldi, migliore italiano e migliore delle Ducati.

Bruttissime qualifiche per Scott Redding e Toprak Razgatlioglu (Yamaha): i due partiranno decimo e tredicesimo. Peggio di loro fa però Alvaro Bautista che è solamente diciassettesimo.

RISULTATI SUPERPOLE GP FRANCIA SUPERBIKE:

Superbike Francia Superpole
Credit: WorldSBK.com

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

MotoGP | GP Francia – Anteprima e orari TV Sky, DAZN e TV8

Riccardo Orsini

Marchigiano classe '99, sono cresciuto tra una pista di kart e una di motocross. Il motorsport è sempre stato parte integrante della mia vita e spero di condividere la mia passione ai lettori.