Superbike | GP Gran Bretagna – Sintesi FP2: Gerloff si impone con distacchi record

Il “debuttante” Garrett Gerloff, alla prima volta sulla pista di Donington, conquista le FP2 del GP di Gran Bretagna Superbike girando in 1.27.524 e precedendo Jonathan Rea e Toprak Razgatlioglu. Sono apparsi nuovamente in difficoltà Rabat e Bautista, ben lontani dalla top ten.

Credits: Twitter

La Superbike è giunta al GP di Gran Bretagna, e alle FP2, senza Samuele Cavalieri. Il campione italiano Superbike in carica ha chiuso il contratto con il team Pedercini dopo tre difficili weekend di gare che, a Misano, lo hanno portato a girare sul ritmo delle Superstock. Il team italiano, che sta ampiamente deludendo le aspettative della vigilia, correrà almeno questo weekend con il ventottenne Luke Mossey.

In casa Yamaha c’è maggiore serenità dopo il rinnovo del contratto di Razgatlioglu che, in questo modo, conferma il suo impegno in Superbike e mette fine alle voci che lo volevano in MotoGP al posto di Vinales o Morbidelli.

Le FP1 di stamane hanno visto Rea cogliere la miglior prestazione nel GP di casa. Il nordirlandese ha chiuso la sessione con un miglior tempo di 1.27.841, precedendo Razgatlioglu, Sykes e un ottimo Rinaldi. Il compagno di squadra di quest’ultimo, Redding chiude in sesta posizione, preceduto anche da Gerloff. Infine, Bautista conferma le grandi difficoltà con la sua Honda e ha chiuso la sessione con un deludente quattordicesimo tempo.

Sintesi FP2 GP Gran Bretagna Superbike


La sessione si è svolta sotto un cielo sereno con presenza di nubi, una temperatura di 19°C e un con vento fortunatamente assente.

La sessione è iniziata con la comunicazione, da parte della commissione gara, che Nozane non prenderà parte alle prossime sessioni per via delle fratture alle falangi della mano destra con cui si è presentato in circuito stamane.

Come già avvenuto per la prima sessione, anche in oggi pomeriggio Sykes è stato protagonista di una caduta dopo pochi secondi dal via delle FP2 del GP di Gran Bretagna di Superbike. Il primo tempo cronometrato va, invece, a Lucas Mahias.

Dopo il primo tentativo per la maggior parte dei piloti, il riferimento veniva segnato da Rea in 1.28.338. Il sei volte campione del mondo, ancora una volta, precede Razgatlioglu.

Nel tentativo successivo si accende, per la prima volta in questo weekend, Alex Lowes che, per soli cinque centesimi, manca l’appuntamento con la miglior prestazione, ma cogliendo un ottimo secondo crono.

Dopo cinque minuti senza niente di particolare da aggiungere, Locatelli stampa il quarto tempo e si porta a una  posizione promettente nella classifica dei tempi.

Dopo dieci ulteriori minuti Razgatlioglu toglie la miglior prestazione a Rea. Il turco di Yamaha è stato capace di concludere il giro cronometrato in 1.28.203. Pochi minuti dopo, invece, è Redding a segnare un  buon crono e a portarsi in quarta posizione, scalzando il compagno di squadra che, fino ad allora, gli aveva dato la paga.

a dieci minuti dal termine, e con una moto sistemata, è sceso in pista nuovamente Tom Sykes.

Due minuti più tardi Rinaldi si migliora e si mette in quarta posizione, precedendo il compagno di team Redding e Garrett Gerloff. Rinaldi, però, manca l’appuntamento con la prima fila per un solo decimo.

Dopo che, in un primo momento, si era tolto la tuta, Rea è tornato in pista a cinque minuti dal termine per tentare di riaffermare la sua superiorità su Razgatlioglu e Lowes. Infatti, nei minuti direttamente precedenti, anche il suo compagno di squadra lo aveva sorpassato nella classifica dei tempi.

Leggi anche:

Moto2 | Aron Canet firma un biennale con Pons Racing

Gli ultimi tre minuti hanno visto un turbinio di migliori prestazioni. Il primo a coglierle è Gerloff che si mette in testa in 1.28.046, migliorando di un decimo e mezzo la prestazione di Razgatlioglu. Pochi metri più indietro, però, c’era Rea che rompe il muro del uno e ventotto, segnando un crono in 1.27.991, migliorando di mezzo secondo il tempo dello statunitense di GRT.

Circa un minuto dopo Haslam si migliora e sale in una buona sesta posizione, mentre Gerloff continua a impostare un ritmo monstre e passa sul traguardo 1.27.524, migliorando di ulteriori quattro decimi e mezzo il riferimento precedente di Jonathan Rea.

L’ultimo giro non vede cambiamenti di rilievo al di fuori di Mahiasn che si mette in ottava posizione, davanti Van Der Mark e dietro a un’altro mostro sacro come Leon Haslam.

Ricapitolando, Garrett Gerloff, con un vantaggio di oltre tre decimi solo sul primo inseguitore, si candida al ruolo di protagonista dopo queste FP2 del GP di Gran Bretagna Superbike. Il pilota statunitense, all’esordio sulla pista inglese, precede il padrone di casa Jonathan Rea e Toprak Razgatlioglu. Alex Lowes, Scott Reddingm, Micheal Rinaldi, Leon Haslam, Lucas Mahias, Micheal Van Der Mark, e Andrea Locatelli concludono la top ten. Sykes, dopo il ritorno in pista, non va oltre l’undicesimo tempo che, però, gli permette di precede un’opaco Davies. Bassani, con un’altra Panigale, chiude tredicesimo davanti a Rabat e alla CBR 1000 di Bautista.

La Superbike tornerà in pista domani mattina per la Superpole a mezzogiorno.

Seguici su Telegram

MotoGP | Bradl: “Sono pronto a valutare eventuali offerte”

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico