SUPERBIKE | GP Qatar – Sintesi Gara2: Rea porta a casa anche l’ultima battaglia della stagione 2019

Il pilota della Kawasaki vince anche Gara2 del GP del Qatar chiudendo così un week-end perfetto con Pole e vittoria in tutte le gare. Sul podio entrambe le Ducati con Davies che chiude di poco davanti a Bautista. Ottima quarta piazza per Lowes che conquista la terza posizione nel Mondiale piloti. Ultima gara della carriera per Marco Melandri che chiude 17o. Superbike Gara2 Qatar

Credit: WorldSBK.com

Dopo aver conquistato il titolo piloti e quello costruttori con la sua Kawasaki, il mai sazio Jonathan Rea conquista anche l’ultima gara della stagione sul circuito del Qatar. Superbike Gara2 Qatar
Diciassettima vittoria in stagione per il pilota nord-irlandese che diventa così il più vincente della stagione 2019.

Alle sue spalle arrivano le due Ducati con Davies che riesce a mettersi dietro Bautista all’ultima gara in sella alla moto di Borgo Panigale.

Termina quarto Alex Lowes che con questo risultato porta a casa la terza posizione nella classifica generale.

CRONACA GARA

Ottimo stacco della frizione per Jonathan Rea (Kawasaki) che però viene passato nell’allungo che porta verso Curva 1 da Alvaro Bautista (Ducati).
Il pilota spagnolo forza però troppo la staccata e finisce lungo, con Rea che si reinfila all’interno.

Mantiene la sua terza posizione Alex Lowes (Yamaha) che è inseguito da Leon Haslam (Kawasaki) e Micheal van der Mark (Yamaha).

Alla fine del primo giro Bautista sopravanza Rea nel lungo rettilineo del circuito qatariota.
Il pilota della Kawasaki risponde però subito alla staccata della Curva 6.

Dietro alla coppia di testa lotta per la 3a posizione con Van der Mark che conquista la posizione con Toprak Razgatlioglu (Kawasaki), Chaz Davies (Ducati), Lowes e Haslam al suo inseguimento.
Al terzo giro di gara Davies infila Razgatlioglu alla staccata dell’ultima curva e nello slancio si porta in 3a posizione passando Van der Mark sul rettilineo del traguardo.

Lungo nel frattempo alla staccata di Curva 1 Razgatlioglu che scivola in 6a posizione.

Quando mancano nove giri alla fine della gara Bautista, dopo aver studiato Rea, passa in testa, con il solito sorpasso sul lungo rettilineo principale.
Il pilota nord-irlandese risponde però, anche questa volta, alla staccata della Curva 6 e ritorna davanti.

Intanto prosegue la lotta per la 4a posizione con Haslam che passa Razgatlioglu e si mette all’inseguimento di Lowes e Van der Mark.
Sempre in questo il gruppetto arriva il sorpasso di Lowes su Van der Mark alla Curva 1, con il pilota olandese che però torna davanti alla Curva 6.

Nel frattempo prova ad allungare Rea che per la prima volta porta il suo vantaggio sopra al secondo su Bautista.

Quando mancano cinque giri al termine della corsa, Lowes si riporta avanti a Van der Mark con un attacco nuovamente alla Curva 1.

A tre passaggi dal termine della gara Davies infila il suo compagno di squadra e conquista la 2a posizione.

All’ultimo giro Razgatlioglu compie una staccata da paura alla prima curva e infila sia Haslam che Van der Mark per la 5a posizione.

Ultimo giro di festeggiamenti per Jonathan Rea che porta a casa la diciasettesima vittoria della stagione.

Seconda e terza le Ducati di Davies e Bautista che arrivano in volata distanti di poco più di un decimo.
Quarto Alex Lowes che vince così la battaglia con Razgatlioglu e Van der Mark per la terza posizione nella classifica finale.

Festa anche per Razgatlioglu che insieme al Team Puccetti porta a casa il titolo di miglior pilota Indipendent.

Ultima gara della carriera amara per Marco Melandri che appende il casco al chiodo con un’anonima 17a posizione finale.

Superbike Gara2 Qatar
Credit: WorldSBK.com

Credit: WorldSBK.com

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM 

 

Gran Premio Messico 2019 – Le Qualifiche in diretta

 

Riccardo Orsini

Marchigiano classe '99, sono cresciuto tra una pista di kart e una di motocross. Il motorsport è sempre stato parte integrante della mia vita e spero di condividere la mia passione ai lettori.