Superbike | GP Teruel – Sintesi Gara 1: Prima vittoria per Rinaldi e per GoEleven. Out Redding!

Il pilota del Team Ducati Go Eleven conquista la sua prima vittoria nel mondiale Superbike vincendo Gara 1 del GP di Teruel. Primo successo anche per il piccolo Team italiano. Completano il podio Jonathan Rea e Chaz Davies mentre Scott Redding cade e compromette la sua rincorsa al titolo. Superbike Gara 1 Teruel

Credit: WorldSBK.com

Era dal GP d’Australia del 2018 che l’inno italiano non risuonava nel paddock della Superbike. Quel giorno era stato Marco Melandri a vincere in sella alla Ducati ufficiale del Team Aruba.

Oggi come allora è ancora una volta un italiano a trionfare in sella alla rossa di Borgo Panigale: Micheal Ruben Rinaldi. Il pilota romagnolo conquista così la prima vittoria della carriera in sella alla Ducati indipendente del Team GO Eleven.

Una vittoria arrivata con un autentico dominio che lo ha visto transitare sul traguardo con più di cinque secondi di vantaggio sul campione del Mondo in carica Jonathan Rea.

Il pilota nord-irlandese può comunque “esultare” per il secondo posto che complice la caduta di Scott Redding gli vale un bell’allungo in classifica generale.

Terza piazza per Chaz Davies che porta una seconda Ducati sul podio di Gara 1 del Gp di Teruel.

SINTESI GARA 1

Alla partenza ottimo scatto di Jonathan Rea (Kawasaki) che riesce a tenere la prima posizione conquistata grazie alla Pole. Dietro di lui insegue Scott Redding (Ducati) che ha passato Micheal Ruben Rinaldi (Ducati). Partenza spettacolare di Toprak Razgatlioglu (Yamaha) che è già quarto.

Rinaldi è scatenato e nel corso del primo giro si libera prima di Redding, alla Curva 5 e poi di Rea alla Curva 16, portandosi per la prima volta in carriera in testa ad una gara del Mondiale Superbike.

L’italiano prova subito a fare la differenza nei confronti della coppia che lo segue e porta il suo vantaggio a circa mezzo secondo. Alle spalle dei primi tre, intanto, Alvaro Bautista (Honda) svernicia Razgatlioglu sul rettilineo del traguardo e passa in quarta posizione.

Nello stesso giro il pilota turco perde la posizione anche nei confronti di Chaz Davies (Ducati) che attacca e passa alla staccata della Curva 12.

A dodici giri dal termine Rinaldi ha decisamente allungato nei confronti della concorrenza. Alle sue spalle Rea ha preso qualche metro di vantaggio su Redding che complici alcuni errori di guida si è fatto riprendere da Bautista.

Il pilota inglese della Ducati per cercare di difendersi da Bautista forza troppo la staccata della Curva 5, perdendo l’anteriore. La caduta costa il ritiro a Redding, uno zero che peserà sicuramente anche sulla lotta al titolo contro Rea.

Con questa caduta la gara perde l’unica battaglia in pista con tutti i piloti nelle prime cinque posizioni che hanno distacchi rassicuranti da chi li segue.

Arrivati a metà gara Rinaldi continua la sua marcia trionfale verso la vittoria. Il pilota italiano guida infatti la gara con più di cinque secondi di vantaggio nei confronti di Rea che ha a sua volta due secondi di margine su Bautista.

Se davanti le posizioni sembrano abbastanza congedate nella pancia del gruppo impazza la lotta per la settima e la nona posizione. Nella prima Tom Sykes (BMW) passa Leon Haslam (Kawasaki) alla Curva 1 mentre nella seconda, sempre alla 1, Alex Lowes (Kawasaki) passa Federico Caricasulo (Yamaha).

La lotta gioca un brutto scherzo a Sykes che finisce lungo alla staccata della Curva 12 e rientra in pista decimo e leggermente distaccato da chi ora lo precede. Nel frattempo Lowes passa anche Haslam alla Curva 16 e conquista la settima piazza.

A cinque giri dal termine Davies è tornato sulla scia di Bautista. Il pilota della Ducati prova subito l’attacco alla Curva 16 ma Bautista resiste. L’attacco e il sorpasso sono solo rimandati alla staccata seguente quando Davies prende l’interno e passa in terza posizione.

Il pilota spagnolo prova a seguire il ritmo del gallese ma perde l’anteriore alla Curva 14 e scivola, vanificando la sua bella gara. In quarta posizione sale così Micheal Van der Mark (Yamaha) che ha passato e superato Razgatlioglu.

L’ultimo giro è una vera e propria passerella d’onore per Micheal Ruben Rinaldi che conquista così la sua prima vittoria in carriera nel Mondiale Superbike e porta per la prima volta sul gradino più alto del podio il Team Go Eleven.

Seconda posizione, a più di cinque secondi, per Jonathan Rea che approfitta della caduta di Scott Redding per allungare nella classifica del Mondiale.

Terza posizione ed altro podio per Chaz Davies che continua a dimostrare una grande affinità con la pista di Aragon.

Chiudono la top cinque le due Yamaha ufficiali di Micheal Van der Mark e Toprak Razgatlioglu.

Miglior risultato stagionale per Federico Caricasulo che chiude la gara in nona posizione. Punti all’esordio anche per Matteo ferrari che è quattordicesimo.

RISULTATI DELLA GARA 1 DELLA SUPERBIKE DEL GP DI TERUEL:

Superbike Gara 1 Teruel
Credit: WorldSBK.com

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

Superbike | GP Teruel – Sintesi Superpole: Rea mostruoso! Altra pole per il cannibale

 

Riccardo Orsini

Marchigiano classe '99, sono cresciuto tra una pista di kart e una di motocross. Il motorsport è sempre stato parte integrante della mia vita e spero di condividere la mia passione ai lettori.