Superbike | Gregorio Lavilla: Per il 2021 puntiamo ad avere 11 round in calendario

Dopo il termine della stagione 2020 della Superbike, Dorna ha iniziato a lavorare sul calendario del mondiale 2021. Il direttore esecutivo Gregorio Lavilla ha puntualizzato riguardo le caratteristiche che avrà la prossima annata delle competizioni della Superbike.

worldsbk.com

La stagione 2020 della Superbike, vincitore finale a parte, è stata sicuramente la più particolare e travagliata della sua storia. La colpa è da inputare alla pandemia da Covid-19 che ha stravolto il calendario e, per le classi minori, anche il format dei weekend.

Infatti, la stagione 2020 ha visto solo nove tappe per il mondiale Superbike. Tutte, a eccezione dell’Australia, svoltesi su autodromi europei.

Il primo obiettivo che Dorna si è posta è quello di ritornare a un calendario Superbike che conti, per il 2021, almeno 11 round. L’obiettivo secondario è tentare di svolgere queste tappe anche fuori dal vecchio continente. Le ipotesi, ad ora, più gettonate sono di correre tre tappe extra europee a termine della stagione in Australia, Argentina (che ha ancora due anni di contratto) e una in medio oriente (Losail?).

Leggi anche:

Superbike | Le classifiche finali della stagione 2020

Un’importante novità per la prossima stagione riguarderà la sicurezza. Infatti, gli organizzatori stanno lavorando a un sistema più veloce dei tamponi per accertare la positività o meno degli addetti ai lavori prima di ogni weekend. Per il 2021 la Superbike non stilerà un protocollo ad hoc, ma seguirà i protocolli delle nazioni in cui si svolgeranno i weekend.

Passando all’aspetto sportivo, Lavilla ha messo un freno definitivo al possibile cambio di regolamento per la Supersport. La voce, che girava da settimane, parlava di un profondo cambio delle regole in vista della prossima stagione. Lavilla ha confermato che si sta lavorando a un nuovo regolamento tecnico che, però, è ancora in fase di redazione e, nel corso della prossima stagione, sarà presentato alle squadre che prenderanno parte a un tavolo per confrontarsi con Dorna e stilare un regolamento definitivo.

Invece, per quanto riguarda la Supersport 300, il direttore esecutivo di Dorna ha dichiarato che sono ancora in corso le discussioni su come modificare il format adeguandolo all’alto numero di piloti che prendono parte al campionato.

Infine, il dirigente spagnolo si è detto soddisfatto del ritorno di seguito che sta riottenendo il campionato delle derivate di serie. Il campionato, che per lungo tempo ha avuto grande seguito in alcune nazioni, ha perso seguito e notorietà dopo la crisi del 2008, che ha obbligato le case e i team a dover rivedere il loro impegno nella categoria. Negli ultimi anni, nonostante un netto dominio dal punto di vista sportivo, la Superbike sta tornando ad avere un importante seguito. Questo ritorno di popolarità è dato dall’approdo di piloti provenienti dal Motomondiale, e dal nuovo format in vigore dal Mondiale 2019.

Seguici su Telegram

Superbike | UFFICIALE: Michael Ruben Rinaldi in Aruba Ducati nel 2021

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico