Superbike | Test Misano: Rinaldi conquista il miglior tempo, ancora in difficoltà Locatelli

Micheal Ruben Rinaldi termina la due giorni di test a Misano con il miglior tempo; e, dunque, davanti alla Yamaha che, nonostante tutto, sembra essere in uno stadio più avanzato nel lavoro prestagionale. Mahias è stato il migliore tra i piloti dei team privati. Passi avanti ma ancora difficoltà per Locatelli.

Aruba Racing

Nella seconda sessione di questa due giorni di test per alcuni team Superbike, di scena in quel di Misano Adriatico, le condizioni meteo sono state leggermente meno adatte al lavoro programmato dai team. Infatti, sulla pista romagnola, la temperatura è calata anche di 5°C rispetto alla giornata di ieri. Per questo motivo i team hanno preferito non scendere in pista nei primi minuti della sessione.

Il miglior tempo in questa ultima giornata di test a Misano lo ha fatto segnare Rinaldi con la Ducati Panigale del team ufficiale. Rinaldi ha preceduto le due Yamaha di Razgatlioglu e Gerloff, e la Ducati di Redding. Come per ieri, anche oggi ha sofferto molto Andrea Locatelli. Il campione del mondo in carica della Supersport ha chiuso la sessione segnando un tempo in ritardo di quasi otto decimi rispetto a quello di Rinaldi. Per Locatelli, però, il passo avanti è stato significativo. Infatti, nella giornata di ieri, aveva accusato un ritardo di un secondo e mezzo sul compagno di squadra.

Tra i piloti degli altri team, il migliore è stato senza dubbio Lucas Mahias. Il francese di Puccetti ha girato in 1.35.1, a poco più di un secondo da Rinaldi (1.34.0), tale tempo gli è valso il settimo tempo totale. Non è riuscito a replicare il risultato di ieri Axel Bassani. L’italiano, che nella scorsa giornata aveva segnato il quarto tempo, oggi ha girato in 1.35.4, chiudendo la sessione in nona posizione.

Nella giornata di oggi è stata anche presentata la moto con cui il team Evan Bros. tenterà di mantenere il titolo piloti in Supersport. Quest’anno sulla moto del team italiano salirà Steven Odendaal. La livrea, invece, rimane pressoché invariata.

Immagine

La giornata di oggi è finita anzitempo per Cristophe Ponsson. Il francese, caduto nell’ultima ora di test del mattino, ha letteralmente ridotto in pezzi la moto, e non ha potuto  prendere parte alla seconda metà di giornata.

Per quanto riguarda il lavoro di prova delle componenti, la Yamaha ha iniziato i test delle due carene disponibili con Andrea Locatelli. Il bergamasco ha interrotto il lavoro di adeguamento alla nuova moto e alla nuova categoria per passare al lavoro di test e messa a punto della moto. Invece, in casa Ducati Aruba, Rinaldi ha testato le nuove pinze dei freni montate ieri sulla moto di Redding.

Nella giornata di oggi si è registrato del nervosismo nel team Barni Racing; dove Tito Rabat ha avuto dei gesti di stizza e ha lasciato il box prima della fine della sessione.

ECCO I TEMPI DELLA SECONDA GIORNATA DI TEST:

1.) Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Ducati) 1.33.688
2.) Toprak Razgatlioglu (PATA Yamaha WorldSBK Team) 1.33.886
3.) Garrett Gerloff (GRT Yamaha WorldSBK Team) 1.34.013
4.) Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati) 1.34.361
5.) Andrea Locatelli (PATA Yamaha WorldSBK Team) 1.34.794
6.) Lucas Mahias (Kawasaki Puccetti Racing) 1.34.806
7.) Axel Bassani (Motocorsa Racing) 1.34.847
8.) Kohta Nozane (GRT Yamaha WorldSBK Team) 1.35.003
9.) Tito Rabat (Barni Racing Team) 1.35.210
10.) Christophe Ponsson (Alstare Yamaha) 1.36.392

La Superbike tornerà in pista il prossimo 25 marzo con l’ultima sessione non ufficiale dei test prima di quelli ufficiali, previsti per il 31 marzo.

Seguici su Telegram

Superbike | Alla scoperta dei team 2021: BMW e la ricerca della competitività

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico