Supercross | Anaheim 2 – Due gare in rimonta premiano Tomac e Ferrandis.

La terza prova del campionato Supercross, corsa ad Anaheim, premia le rimonte di Eli Tomac (Kawasaki) nella 450 e di Dylan Ferrandis (Yamaha) nella 250 che dopo due partenze infelici portano a casa la vittoria. Supercross Anaheim 2

Ferrandis festeggia la vittoria ad Anaheim 2.
Credit: Supercross on Instagram

Due finali ricche di sorpassi e colpi di scena quelle a cui abbiamo esistito per la terza prova del campionato AMA Supercross. Supercross Anaheim 2

Nella 450, a spuntarla, è stato Eli Tomac, che dopo una partenza a centro gruppo è pian piano riuscito a risalire la china fino a portarsi in testa alla gara. Da qui in poi una corsa condotta in maniere perfetta che lo ha portato a tagliare il traguardo con un buon margine su Ken Roczen e Cooper Webb, rispettivamente secondo e terzo.

Ben più diversa e appassionante la gara della 250, risoltasi solo all’ultimo giro. Gara che è stata sicuramente condizionata dalle cadute che hanno tolto di scena prima Christian Craig, poi Austin Forkner e alla fine Jett Lawrence.ù

Proprio la caduta all’ultimo giro del pilota australiano ha lasciato spazio libero a Dylan Ferrandis che è andato così a conquistare la sua prima vittoria stagionale.

SINTESI 250 WEST COAST

Allo start della terza gara della stagione a farla da padrone sono le Honda di Christian Craig e di Jett Lowence che passano in testa alla prima curva.
Dietro di loro la Honda non ufficiale di Luke Clout.
Seguono pocho distanti Austin Forkner (Kawasaki), vincitore dell’ultima gara, Justin Coooper (Yamaha) Dylan Ferrandis (Yamaha) che occupano dalla quinta alla settima posizione.

Alla fine del secondo giro Lowrence passa il suo compagno di squadra per la testa della corsa mentre Forkner e Ferrandis sono già risaliti in terza e quarta posizione.
Nel terzo giro Ferrandis passa Forkner con un block-pass abbastanza duro, mentre Cooper si libera di Brandon Hartranft (KTM) e conquista la quinta posizione.

Alla fine della prima metà di gara primo colpo di scena. Ferrandis prova a passare Craig dopo il salto d’arrivo: la manovra del francese è però improbabile e impossibile in quello spazio e i due si toccano finendo entrambi a terra.
Ferrandis riesce però a riprendere subito la sua marcia in seconda posizione, mentre Craig, ben più dolorante, è costretto al ritiro, anche a causa dei danni alla sua moto.

Pochi giri dopo anche Forkner cade. Il pilota della Kawasaki prende una linea sbagliata nella sezione di whoopes e perde così il controllo della sua moto.
Le conseguenze della caduta permettono comunque al numero #52 di ripartire ma solamente in diciottesima posizione.

Passano altri due minuti e la gara riserva un’altro colpo di scena. Il leader della gara Lowrence cade. Riesce comunque a ripartire prima dell’arrivo di Ferrandis ma il suo vantaggio si dimezza così a soli 2 secondi.

A due giri dalla fine Ferrandis riesce a riagganciarsi alla coda della Honda di Lowrence per tentare l’attacco nel giro successivo.
Attacco che prontamente arriva nella sezione di salti prima della prima serie di whoopes e che porta Ferrandis in testa alla gara.
Lowrence prova a rispondere nella serie successiva di whoopes ma cappotta prima del salto e consegna così la vittoria nelle mani del pilota francese.

Di questa caduta ne approfittano anche Cooper e Hartranft che colgono così a loro volta un piazzamento sul podio.
Beffa invece per Jett Lowrence che a causa di questa caduta non riesce a portare a termine una gara (anche se poi verrà classificato nono) che avrebbe ampiamente meritato di vincere.
Solo diciassettesimo al traguardo Austin Forkner che conclude una gara anche per lui condizionata da una caduta.

Supercross Anaheim 2
Credit: AMASupecross.com

Nella classifica generale chi giova di più di questo pazzo Main Event è sicuramente Justin Cooper che guadagna su tutti i suoi avversari.
Può sorridere anche Dylan Ferrandis che dopo il passo falso a St.Louis ritorna nelle posizioni di vertice.
Crollano invece sia Austin Forkner che Jett Lowrence che vengono passati sia da Hartranft che da Martin.

Credit: AMASupercross.com

SINTESI 450

Il miglior rilascio della frazione premia Ken Roczen (Honda) che gira in testa alla prima curva seguito da Blake Baggett (KTM) ed Aron Plassinger (Yamaha).
Buono spunto anche per Cooper Webb (KTM) che è quinto seguito a ruota da Jason Anderson (Huvsquarna).
Partenza difficile per le Kawasaki di Adam Cianciarulo e Eli Tomac mentre peggio di loro fa il leader della classifica Justin Barcia (Yamaha).

Al terzo giro Baggett attacca senza successo Roczen mentre dietro Anderson, Webb e un rimontante Tomac lottano per la terza posizione.
Al giro successivo Baggett scivola mentre Tomac si libera sia di Webb che di Anderson e sale così in seconda piazza.

Nello stesso giro anche Anderson si libera di Webb che ora deve iniziare a guardarsi le spalle da Cianciarulo, Zach Osborne (Husqvarna) e Barcia che è risalito in settima.

Quando alla bandiera a scacchi mancano 13 minuti Tomac si porta in testa alla gara andando a passare all’interno Roczen sembrato un po’ troppo remissivo.ù

Arrivati alla metà esatta di gara Webb attacca e sorpassa Anderson per la terza posizione mentre Barcia, dopo una prima parte di gara in rimonta, viene sopravanzato dalle Honda di Justin Brayton e di Malcolm Stewart e scivola così in nona posizione.

Dopo aver subito l’attacco di Webb, Anderson cala il ritmo e si fa sorpassare sia da Cianciarulo che dal suo compagno di team Zach Osborne.

Nel frattempo per quel che riguarda la testa della gara Tomac ha guadagnato 5 secondi di vantaggio su Roczen che a sua volta mantiene lo stesso distacco su Cooper Webb.

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

Entrati negli ultimi 5 minuti di gara Osborne conquista la posizione anche su Adam Cianciarulo portandosi così in quarta piazza.
Il pilota della Kawasaki commette poi una piccola sbavatura e permette così anche a Jason Anderson di passarlo.

Negli ultimi due giri si accende la battiglia tra Roczen e Webb con il pilota della KTM che è riuscito a portarsi a meno di 2 secondi dal pilota Honda.
Battaglia che premia Roczen che riesce a tenere a distanza Webb fino alla linea del traguardo.

Tutto questo accade alle spalle di Eli Tomac che porta a casa la sua prima vittoria stagionale dopo due gare sottotono.
Vittoria importante anche dal punto di vista statistico: nel 70% dei casi infatti chi vince ad Anaheim 2 vince anche il campionato.

Chiudono il podio, come già detto, Ken Roczen e Cooper Webb che, dopo Anaheim 1, raccoglie un altro terzo posto.
Completano la Top5 le due Husqvarna di Zach Osborne e Jason Anderson mentre è solo nono l’ormai ex-leader della classifica Justin Barcia.

Supercross Anaheim 2
Credit: AMASupercross.com

Per quel che riguarda la classifica gerale, come già anticipato, cambia il detentore della Tabella Rossa con Roczen che sopravanza di 3 punti Justin Barcia.
Grande salto in avanti, grazie alla vittoria, per Eli Tomac che risale così al terzo posto.

Equilibrio comunque che regna sovrano dopo le prime tre prove del campionato: sono infatti ben sei i piloti raccolti in 13 punti.

Credit: AMASupecross.com

 

Come sempre ai link sottostanti le due finali corse ad Anaheim 2:

LINK 450 MAIN EVENT: https://www.dailymotion.com/video/x7qrtni

LINK 250 MAIN EVENT: https://www.dailymotion.com/video/x7qrsa9

 

Appuntamento ora rinviato alla prossima settimana dove i piloti saranno in pista a Glendale allo State Farm Stadium.

La quarta prova del Campionato riserverà il primo dei tre eventi con formula Triple Crown: tre finali dove i punti dei piloti saranno calcolati in base alla loro posizione ( un punto al primo, due al secondo, tre al terzo, …) e la classifica finale sarà stilata in ordine crescente dal minore al maggior punteggio accumulato.

 

SEGUICI SUL NOSTRO NUOVO CANALE TELEGRAM PER RIMANERE AGGIORNATO SUL MONDO DELLE DUE RUOTE.

 

MotoGP | Ecco tutte le date di presentazione delle moto 2020