SUPERCROSS | ATLANTA – Webb e Cianciarulo allungano in classifica

Nona prova del campionato AMA Supercross corsa al Mercedes-Benz Stadium di Atlanta. A spuntarla sono Cooper Webb (KTM) nella 450 e Adam Cianciarulo (Kawasaki) nello Showdown della 250.

Justin Barcia. Credit: Cyclenews

Una nottata di gara non proprio spettacolare quella corsa la scorsa notte ad Atlanta. Nonostante le attese fossero altissime, vista la presenza del format Showdown (con i migliori piloti di entrambe le Coast in pista insieme) nella 250 e la battaglia per il titolo nella 450, il tracciato non si è dimostrato così all’altezza per favorire bagarre e sorpassi. La pista infatti era sì molto tecnica, ma caratterizzata da una singola traiettoria più veloce delle altre, che rendeva veramente difficili i tentativi di sorpasso. E’ diventato così di fondamentale importanza centrare la partenza e mettersi nelle posizioni di testa già dalle prime curve. Cosa che è riuscita benissimo a Cooper Webb (KTM) vincitore nella 450 e ad Adam Cianciarulo vincitore dello Showdown 250.

Da segnalare poi l’assenza di Justin Barcia (Yamaha) che è caduto durante un allenamento in settimana, causandosi una commozione cerebrale che ha costretto i medici a negargli la possibilità di scendere in pista qui ad Atlanta.




CRONACA 250 SHOWDOWN

A mettersi davanti a tutti con uno scatto bruciante è Austin Forkner (Kawasaki) che precede Chase Sexton (Honda), il suo compagno Adam Cianciarulo (Kawasaki) e il francese Dylan Ferrandis (Yamaha). In 6a posizione si trova poi l’altra Kawasaki di Martin Davalos che precede Justin Cooper (Yamaha) e Shane Mcelrath (KTM). Non uno scatto felice invece per Colt Nichols (Yamaha) che è 12o, Alex Martin (Suzuki) che occupa la 14a posizione e per Jordon Smith (KTM) che è solo 16o.

Al terzo giro Smith cade mentre stava rimontando alcune posizioni e riparte così ultimo e staccato da chi lo precede.

Quando mancano 9 minuti alla fine della gara, Cooper sorpassa Davalos guadagnando la 6a posizione. Nello stesso giro Cianciarulo passa Sexton, salendo così in 2a posizione alle spalle del suo compagno di team Forkner.

Nel frattempo si accende la battaglia per la 5a posizione con Cooper e Mcelrath che passano Jacob Hayes (Yamaha) nella parte sabbiosa della pista. Poche curve dopo il pilota Yamaha subisce l’attacco anche da parte di Nichols. Nello stesso giro Ferrandis passa Sexton guadagnando l’ultimo gradino del podio.

A 5 minuti dalla bandiera a scacchi Cianciarulo passa Forkner sulle whoopes portandosi così al comando della gara. Il giro successivo è Ferrandis a passare Forkner nello stesso punto della pista.

Passati questi giri di battaglie le posizioni si congelano e cessano i tentativi di sorpasso in pista.

Cianciarulo va così a vincere lo Showdown di Atlanta (terza vittoria consecutiva) ed aumenta il gap nella classifica generale della West Coast. In 2a posizione arriva il francese Ferrandis (anche lui della West Coast) che precede il leader di classifica della East Coast Forkner. 4a piazza per Sexton (East) che precede Cooper (East), Mcelrath (West), Nichols (West) e Davalos (East). Serata difficile invece per Martin (East) che arriva 13o. Va ancora peggio al secondo della classifica generale Smith (East) che chiude la gara solamente in 18a posizione.

Credit: AMA Supercross
Credit: AMA Supercross
Credit: AMA Supercross

CRONACA 450

In testa alla prima curva si piazza Cooper Webb (KTM) davanti alle altre due KTM di Marvin Masquin e Blake Baggett. Ken Roczen (Honda) è in 5a posizione, preceduto da Aaron Plessinger (Yamaha), mentre rimangano attardate le Kawasaki di Joey Savatgy (11o) ed Eli Tomac (12o).

Dopo qualche giro di studio, quando mancano 16 minuti al termine, Masquin prova l’attacco sul compagno di team Webb. I due si toccano con Webb che mantiene la posizione, mentre Masquin perde del tempo e rischia di essere superato da Baggett. Intanto Tomac è risalito fino alla 10a piazza.

A 9 minuti dalla fine Masquin commette nuovamente un errore nel tentativo di passare Webb nella sezione sabbiosa e perde così la 2a posizione ai danni di Baggett.

Ai -7 dalla bandiera a scacchi cade Plessinger che stava difendendo la sua 4a posizione dagli attacchi di Roczen. La sua caduta permette così di guadagnare la posizione al pilota tedesco della Honda. Nel frattempo Tomac è tornato a ridosso dei primi, recuperando fino alla 6a posizione.

Negli ultimi giri, nonostante i primi tre fossero davvero vicini tra di loro, nessuno riesce a tentare l’attacco sugli altri.

La gara volge così al termine con la 5a vittoria stagionale di Cooper Webb che con questo successo aumenta il suo distacco in classifica generale. In 2a e 3a posizione arrivano le altre due KTM di Baggett e Masquin che completano così un podio monopolizzato dalla casa austriaca. In 4a piazza chiude Roczen, mentre è 6o l’altro contendente al titolo Tomac, che riesce a limitare i danni dopo una pessima partenza.

Credit: AMA Supercross
Credit: AMA Supercross

La prossima settimana i piloti scenderanno nuovamente in pista sul tracciato ricavato all’interno del Daytona International Speedway di Daytona, unica gara della stagione a non corrersi all’interno di stadi di baseball o football. Grandissima attesa per vedere se qualcuno dei piloti riuscirà a mettere le proprie ruote davanti a quella dei due leader Webb (450) e Forkner (250 East Coast) che stanno scavando un bel solco in classifica generale.

Qui i link per vedere le finali corse la scorsa notte:

450 MAIN EVENT: 

 

250 MAIN EVENT

Calendario Motomondiale 2019 – Orari e appuntamenti in diretta su TV8