Supersport 300 | GP Aragon – Sintesi Gara 1: Una bandiera rossa regala la vittoria a Huertas

È Adrian Huertas il primo vincitore stagionale della Supersport 300. Lo spagnolo, vince Gara 1 del GP di Aragon battendo i compagni di marca Booth-Amos e Okaya. Nel finale di gara brutta caduta per Sofoglu che causa la bandiera rossa che pone fine alla corsa. Supersport 300 Aragon Gara 1

Supersport 300 Aragon Gara 1
Credit: Profilo Instagram @adrianhuertas99

Prima vittoria in carriera per Adrian Huertas che porta a casa la prima gara della stagione della Supersport 300. Lo spagnolo è fortunato e bravo a trovarsi in testa al gruppo, nonostante un Long Lap Penalty, nel momento in cui la direzione gara espone la bandiera rossa a causa della caduta di Sofoglu e Meikon Kawakami. Supersport 300 Aragon Gara 1

Seconda posizione per Tom Booth-Amos il vero deluso della gara. L’inglese era infatti stato in testa per la maggior parte dei giri percorsi, venendo però superato nel momento clou della corsa.

Terza posizione per Yuta Okaya che chiude un podio tutto Kawasaki. Quarto Unai Orradre, migliore delle Yamaha. Decima posizione per Bruno Ieraci, unico italiano a chiudere in zona punti.

SINTESI GARA 1:

Alla partenza buono spunto di Adrain Huertas che passa in testa davanti al poleman Ton Kawakami. Mantiene la terza posizione Unai Orradre che precede Tom Booth-Amos. Inizia anche la rimonta di Jeffrey Buis che è già in quinta posizione.

Caduta nel frattempo per Thomas Brianti che scivola alla Curva 12 insieme a Giral e Markarian.

Si chiude il primo giro con Huertas davanti a tutti seguito dalle altre due Kawasaki di Buis e Booth-Amos. Dietro al terzetto verde si trova un trio di Yamaha con Orradre e i fratelli Kawakami. Supersport 300 Aragon Gara 1

Cambiano le posizioni alla Curva 1 del terzo giro: a passare in testa è Orradre che precede Booth-Amos e Ton Kawakami. Il gruppo di testa, formato da dieci piloti, inizia intanto a distaccarsi dal resto dei piloti. Alla staccata della Curva 12 passa in testa Booth-Amos.

La staccata della Curva 1 continua a cambiare le posizioni. Al quarto giro è Huertas a passare in testa seguito da Booth-Amos e Orradre. Al gruppo di testa si sta nel frattempo riavvicinando Meuffels autore del giro veloce. Viene nel frattempo assegnata una penalità a Huertas che dovrà scontare un Long Lap Penalty dopo essere uscito troppo spesso dai limiti della pista.

Al quinto giro Huertas esegue il suo Long Lap Penalty e rientra in decima posizione. Davanti a tutti rimane così Booth-Amos seguito da Ton Kawakami e Orradre. Sul traguardo le posizioni cambiano ancora con Orradre che grazie alle scie transita davanti a tutti. Giro veloce nel frattempo per Ana Carrasco che prova a risalire dalla sua sedicesima posizione.

Prova a forzare il ritmo Booth-Amos che si porta dietro Orradre e i fratelli Kawakami. Il gruppo formato inizialmente da dieci piloti è ora formato da diciassette piloti.

A cinque giri dal termine sale per la prima volta in prima posizione Meikon Kawakami che viene però subito passato in Curva 1 da Booth-Amos. Un errore del pilota brasiliano lo fa retrocedere in ottava posizione con Orradre e Di Sora che salgono alle spalle del pilota inglese.

A passare in testa a quattro tornate dalla fine è Okaya che passa Booth-Amos alla Curva 3. L’inglese non ci sta e risponde alla staccata della Curva 5. Risale in terza posizione Buis che passa Orradre e si porta dietro un ritrovato Huertas.

Caduta nel frattempo nella seconda parte del gruppo di testa con Meikon Kawakami che tira giù Bahattin Sofoglu. A tre giri dalla fine la gara viene fermata per una bandiera rossa proprio a causa di questa caduta.

Avendo completato più del 75% della gara la classifica finale viene stilata in base all’ultimo settore percorso da ogni pilota.

A vincere è così Adrian Huertas che precede Tom Booth-Amos e Yuta Okaya per una tripletta Kawasaki. Quarta posizione per Unai Orradre, primo pilota in sella alla Yamaha che precede Di Sora e il campione del Mondo in carica Jeffrey Buis.

Settima posizione per il poleman Ton Kawakami che precede Meuffels, Khouri e Ieraci che chiude la top 10. Undicesima posizione per Ana Carrasco al rientro dopo il grave infortunio dello scorso anno.

Fuori dai punti tutti gli altri italiani partecipanti.

RISULTATI GARA 1 SUPERSPORT 300 ARAGON:

Supersport 300 Aragon Gara 1
Risultati Gara 1 Supersport 300. Credit: WorldSBK.com

 

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

Superbike | GP Aragon – Sintesi Superpole: Rea segna il nuovo record della pista! Male Yamaha e Honda

Riccardo Orsini

Marchigiano classe '99, sono cresciuto tra una pista di kart e una di motocross. Il motorsport è sempre stato parte integrante della mia vita e spero di condividere la mia passione ai lettori.