Supersport 300 | GP Aragon – Sintesi Gara 2: Booth-Amos vince col giallo

Il britannico vince Gara 2 della Supersport 300 del GP di Aragon dopo la penalizzazione di Orradre, vincitore al traguardo.

Supersport 300 GP Aragon

La seconda manche della Supersport 300 nel GP di Aragon vede Tom Booth-Amos vince in sella alla propria Kawasaki 400. Il britannico si è portato a casa la vittoria nonostante il secondo posto al traguardo: Unai Orradre infatti è il primo a tagliare il traguardo, ma viene poi penalizzato a causa del mancato rispetto dei track limitsAdrian Huertas, il vincitore di Gara 1, chiude il podio.

Da segnalare l’ottima prova della rientrante Ana Carrasco: la spagnola al primo weekend stagionale dopo l’infortunio si dimostra competitiva e conquista la quinta posizione. Bene la coppia dei fratelli Kawakami, con Tom che chiude 6° mentre Meikon è 10°.

L’unico italiano in zona punti è Bruno Ieraci: l’italiano ha sofferto molto la mancanza di velocità sul dritto della propria R3, relegandolo così al 9° posto finale. Un risultato tutto sommato soddisfacente, ma al di sotto delle aspettative vista la gara di testa fatta dal numero #8. È solo 12° Jeffrey Buis: il campione del mondo in carica ha avuto a che fare con delle lotte nelle ultime fasi, che lo hanno costretto ad un risultato deludente.

Da segnalare anche la caduta di Bahattin Sofuoglu: il turco è scivolato dopo aver scontato il primo dei due Long Lap Penalty assegnateli a seguito di una falsa partenza.

Sintesi della gara

Brutta caduta di gruppo in partenza alla prima curva, mentre è Buis a prendersi la testa alla fine del primo giro. Dopo il gioco di scie è Booth-Amos a prendere la leadership della seconda manche.

Gara abbastanza tranquilla per la 300, nonostante qualche caduta nelle retrovie. Vista la compattezza del gruppo la gara non sembra troppo veloce. Intanto arriva un doppio Long Lap Penalty per Sofuoglu a causa della partenza anticipata da parte del turco. Iniziano a disturbarsi tra le prime posizioni, concedendo così qualche metro a Booth-Amos.

Sale prepotentemente Orradre, che si porta per qualche metro in seconda posizione, salvo poi essere superato dalle Kawasaki. Cade proprio Sofuoglu, dopo aver scontato il primo dei due Long Lap Penalty. Altro ritirato è Sabatucci, che cade in curva 1 dopo un contatto con Palazzi e Meuffles.

Ottima finora la prestazione di Ieraci: l’italiano, scivolato nelle retrovie del gruppo di testa a seguito di un contatto, è tornato nella top 5 dopo qualche giro in ombra. Contatto nel corso dell’ultimo giro per Di Sora, che finisce lungo e butta ogni chance di lotta per il podio. Alla fine è Orradre a precedere Booth-Amos e Huertas per la vittoria. Lo spagnolo viene penalizzato minuti dopo la bandiera a scacchi per track limits, scivolando in seconda posizione.

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

Superbike | GP Aragon – sintesi Gara2: Redding indovina la gomma giusta e vince in solitaria

Aggio Valentino

19 anni, amante di MotoGP e Superbike.