Supersport | GP Spagna – Sintesi Gara2: Dominique Aegerter vince nuovamente in solitaria

Dominique Aegerter vince il GP di Spagna Supersport in solitaria, allungando a sessantadue punti il suo vantaggio in classifica su Odendaal. Lo svizzero ha preceduto la Kawasaki di Oettl e la MV di Tuuli. Il sudafricano di Evan Bros. termina solo in ottava posizione.

Foto: profilo Twitter @DomiAegerter77

La Supersport scende in pista per l’unica gara del weekend di un GP di Spagna che, nella giornata di ieri, ha visto sospesa l’attività in pista in seguito all’incidente mortale avvenuto in Gara1 di Supersport 300. Per l’attività odierna, si è successivamente deciso di riprendere il calendario normale e, di conseguenza, alle 12:30 è andata in scena la gara della classe di mezzo.

La scelta di tornare in pista nella giornata di oggi ha creato diverse polemiche anche tra i piloti. Michel Fabrizio, in un lungo post su Instagram, ha annunciato la sua assenza nella gara di oggi e il ritiro. Il pilota italiano, tornato dopo sei anni lontano dalle competizioni, ha deciso di fare un passo indietro, lamentandosi anche del cambiamento di mentalità nei piloti e delle scelte di Dorna e FIM.

arriva al GP di Spagna con una classifica generale che, nonostante l’assenza di Aegerter al precedente round di Barcellona, vede lo svizzero saldamente in testa alla classifica. Infatti, grazie soprattutto a un deludente Odendaal nelle due gare catalane, lo svizzero di Ten Kate gode ancora di 45 punti sul sudafricano. A sua volta, Odendaal mantiene 54 punti di vantaggio su Gonzalez, terzo in classifica.

In questo weekend torna in pista Martin Vugrinec con il team Ferquest. Il croato ha già corso il round di Most con lo stesso team e la stessa Yamaha R6. Inoltre, dopo essere stato protagonista in negativo a Barcellona, Vostatek è stato confermato in sella alla Yamaha della Compos Racing, insieme all’olandese Van Eerde. Continua il turnover in casa GMT94; dopo la separazione con Caricasuolo, il team francese ha cambiato diverse volte seconda guida e, per questo round, ad affiancare Cluzel ci sarà il nostrano Stefano Manzi.  Infine, il venerdì di ieri ha rivisto in pista Kenan Sofuoglu che, per salutare la Supersport così come la conosciamo (dal prossimo anno arriveranno anche altre moto non seicento di cilindrata), ha corso le due sessioni di Prove Libere con la Kawasaki di Puccetti.

Nelle FP1 di ieri Philip Oettl ha dimostrato sin da subito di essere in forma e in confidenza con la pista andalusa. Il tedesco, girando con il tempo di 1.42.429, ha preceduto Manuel Gonzalez, Tuuli, il confermato Krummenacher, Aegerter e Odendaal. Stefano Manzi, al debutto in classifica, ma abituato a correre con le R6 gommate Pirelli poiché utilizzate dalla VR46 Accademy, ha saputo cogliere il settimo tempo, davanti a Caricasulo e a un secondo di ritardo dalla miglior prestazione. Sofuoglu, al ritorno dopo tre anni, ha chiuso con il diciottesimo tempo.

La sessione del pomeriggio ha proiettato in prima posizione nella classifica dei tempi Dominique Aegerter. Lo svizzero, con un tempo di 1.42.455, ha preceduto Oettl, Odendaal, Tuuli, Gonzalez, Krummenacher e un’incredibile Sofuoglu, capace di cogliere il settimo tempo. Manzi ha continuato a sorprendere, riuscendo a precedere Caricasulo e il compagno di team Cluzel.

La Superpole di ieri mattina, l’ultima prima della sospensione delle attività in pista, ha visto Oettl conquistare la pole, davanti ad Aegerter e un sorprendente Caricasulo. Si sono qualificati in seconda fila  Gonzalez, Krummenacher e Tuuli. Odendaal aprirà la terza fila precedendo De Rosa e Oncu. Manzi, Van Straalen e Cluzel completano, invece, la quarta fila.

Sintesi Gara GP Spagna Supersport


L’unica gara del GP di Spagna Supersport si ècorsa sotto un cielo sereno, con temperature di 23°C per l’atmosfera, e di 26°C per quanto riguarda l’asfalto.

Nel corso del primo giro le posizioni di testa hanno visto l’escalation di Odendaal fino alla quarta posizione, e di Manzi fino alla sesta. Caricasulo, invece, ha visto sfilare diversi piloti, fino a stabilirsi in ottava posizione.

2° giro – Nelle retrovie cade Orradre, mentre Aegerter mette subito sei decimi di vantaggio su Oettl. All’ultima curva, Oncu infila Odendaal all’interno. Il sudafricano non si aspettava l’attacco e viene costretto ad allargare la traiettoria, perdendo diverse posizioni e rientrando nono.

Terzo giro – Aegerter segna il giro veloce in 1.42.525 e raggiunge il secondo di vantaggio su Oettl. Nelle prime curve scivola Luigi Montella che, immediatamente dopo, è risalito in sella e ha ripreso la corsa.

Quarto giro – Sul rettilineo finale arriva un affondo a sorpresa di Tuuli ai danni di Onvu che, poche curve dopo, viene insidiato dal terzetto De Rosa-Caricasulo-Manzi.

Quinto giro – Altro giro veloce per Aegerter che abbassa il suo precedente record di due decimi. Il vantaggio dello svizzero raggiunge il secondo e sei di vantaggio sul tedesco di Kawasaki. Nelle retrovie arriva la caduta di Takala che distrugge la moto, ma che non subisce conseguenze.

Sesto giro – Caricasulo infila De Rosa all’interno della Cinque en approda in sesta posizione.

Settimo giro – Gonzale, terzo, continua a ricucire su Oettl che, in quel momento, godeva di quattro decimi di vantaggio. Alla Sei Odendaal prende l’ottava posizione su Manzi. Il sudafricano sfrutta bene la maggior confidenza con la frenata della R6 e supera l’italiano con grande facilità.

Ottavo giro – Sul traguardo i piloti in zona punti erano i seguenti : Aegerter, Oettl, Gonzalez, Tuuli,. Oncu, Caricasulo, De Rosa, Odendaal, Manzi, Krummenacher, Brenner, Cluzel, Soomer, Sebestyen e Fuligni. Van Straalem, invece, cade alla penultima curva e dice addio alla sua gara.

Nono giro – Tuuli aggancia Gonzalez che va lungo alla due e apre le porte a Tuuli che, nonostante l’impegno, non riesce a prendere la posizione sullo spagnolo che ha tenuto a lungo aperto il gas per difendersi. La bagarre tra i due va ad aiutare Oettl che alza il vantaggio fino a otto decimi. All’ultima curva il finlandese riesce a prendere la posizione sul pilota del team Parkin go.

Decimo giro – Gonzalez non ci sta a stare fuori dal podio e si mette subito incollato a Tuuli, aspettando un errore del finlandese per affondare un nuovo attacco.

Dodicesimo giro – Alla sei cade Hendra Pratama che conclude un weekend disastroso, con diverse cadute e una sospetta commozione cerebrale.

Qundicesimo giro – Negli ultimi giri della gara la classifica si è fossilizzata. L’unico spunto di interesse giunge da Niki Tuuli che, nel quattordicesimo giro, ha tenuto un ritmo di tre decimi più veloce di quello segnato da Oettl che rischia di trovarsi il finlandese francobollato nel corso dell’ultimo giro.

Sedicesimo giro – Scende a quattro decimi il vantaggio di Oettl su Tuuli che, nel mentre, si libera del pressing di Gonzalez. Nelle prime sei curve si scatena una bagarre tra Odendaal e Manzi. Alla Dry Sack il duello si risolve a favore del sudafricano.

L’ultimo giro inizia con Aegerter che passa sul traguardo con dieci secondi di vantaggio sul tedesco di Kawasaki cghe riesce a pareggiare il ritmo con Tuuli che dice addio alle speranze di sorpasso, rimanendo relegato in terza posizione. Sul rettilineo si riaccende il duello tra Odendaal, Manzi e Krummenacher. Quest’ultimo ha avuto la peggio, finendo a terra alla Sei.

La gara termina su una grande impennata di Aegerter che vince il GP di Spagna Supersport. Lo svizzero precede Oettl e la MV di Tuuli. Gonzalez, apparso opaco nel corso del weekend, non va oltre la quarta posizione, davanti a: Caricasulo, Oncu, De Rosa, Odendaal, Manzi, Cluzel, Breenner, Soomer, Sebestyen, Fuligni e Bergman.

worldsbk.com

La Supersport tornerà in pista il prossimo weekend sulla pista di Portimao

Seguici su Telegram

Superbike | GP Spagna – Sintesi Superpole: Toprak Razgatlioglu è in pole

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico