A TCFormula 1Interviste

F1 | “Non meritava i 5 secondi!” – Il paddock si divide sulla penalità di Verstappen

Ted Kravitz ritiene che Max Verstappen non avrebbe dovuto ricevere alcuna penalità per aver accompagnato Charles Leclerc fuori pista in curva 1 al via del GP di Las Vegas.

Oltre alla diciottesima vittoria stagionale, il GP di Las Vegas ci ha regalato anche sprazzi di quel Max Verstappen irrequieto che spesso veniva criticato per le sue manovre al limite nei confronti dei suoi avversari in pista. Nonostante tutti abbiano condannato all’unanimità la mossa dell’olandese in partenza, il quale ha portato largo Leclerc in curva 1 per mantenere la leaedership, Ted Kravitz ritiene che Verstappen non avrebbe dovuto ricevere alcuna penalità.

Penalità Verstappen Kravitz
Penalità a Verstappen per la manovra al via del GP di Las Vegas: l’analisi di Ted Kravitz © F1

Penalità a Verstappen per la manovra al via del GP di Las Vegas: l’analisi di Ted Kravitz

“Se andiamo a vedere come è partito Verstappen, ha iniziato con una difesa molto decisa contro Charles Leclerc al primo giro”, ha dichiarato il reporter britannico parlando della partenza del pilota olandese nel GP di Las Vegas.

“Si può vedere la cosa in due modi. I commissari hanno deciso di considerare la cosa come meritevole di una penalità di cinque secondi per aver forzato un altro pilota fuori pista. Non so, l’ho già visto in passato”.

“Ho pensato che fosse semplicemente hard racing. Parti, hai qualcuno all’esterno e lo accompagni delicatamente fuori compromettendolo, mentre tu tagli. Non è più consentito?”.

Sempre secondo Kravitz, la cosa migliore da fare sarebbe stata restituire la posizione a Leclerc, cercando di ripassarlo al giro successivo. Red Bull però ha preferito mantenere la track position, principalmente per poter spingere con aria libera davanti.


Leggi anche: F1 | GP Las Vegas, i tifosi si fanno giustizia da soli dopo il caos del Venerdì


I cinque secondi non hanno però influito più di tanto sulla gara dell’olandese, che ha approfittato della Safety Car, entrata in pista per pulire i detriti lasciati proprio nel contatto con George Russell, per montare un treno di gomme hard più fresco di quello del ferrarista e ripassarlo, agguantando la diciottesima vittoria stagionale.

Il monegasco ha ritenuto corretta la penalità inflitta dai commissari, sottolineando però che il poter spingere con aria pulita davanti ha comunque beneficiato enormemente Verstappen nel primo stint.

Sono in molti, inoltre, ad aver sottolineato l’esigenza di applicare sanzioni che vadano effettivamente ad arrecare un danno ai piloti, anziché infliggere penalità che, come abbiamo visto anche a Las Vegas, non hanno sortito alcun effetto nell’esito finale.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

2 commenti

Nivarox 21/11/2023 at 17:43

Hahahahah Il Paddok si divide, uno solo tale Kravitz inviso persino alla RedBull

Risposta
Albino 21/11/2023 at 20:57

No infatti meritava 20 secondi e la restituzione della posizione a Leclerc. Le furbate hanno rotto veramente non se ne puo piu.
Hai sbagliato sportivamente ridai subito la posizione. Fai il furbo ti bastono

Risposta

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.