Formula E | Nick Cassidy un fulmine nei test a Marrakesh con la Virgin

Nei Rookie-Test appena terminati in quel di Marrakesh, il più veloce è stato il neozelandese Nick Cassidy, classe 94, che totalizzando 74 giro ha stabilito il tempo di 1:16.467, più veloce di quasi sette decimi del miglior tempo stampato da Antonio Felix da Costa nelle qualifiche dell’E-Prix tenutosi sul Circuito Moulay El Hassan. Test Formula E

Test Formula E
Foto Formula E

Cassidy è stato più rapido di Sergio Sette Camara che con la Geox Dragon ha fatto segnare 1:16.930s (84 giri) e di Filipi Albuquerque che alla guida della DS Techeetah  ha fermato il cronometro sull’1:17.092s (79 giri), team che attualmente è leader nella classifica mondiale con un distacco di 24 punti sulla Panasonic Jaguar Racing. Test Formula E

Non scopriamo solo oggi il talento di Nick Cassidy, egli infatti è noto per essere uno dei piloti di maggior successo nella storia della Toyota Racing Series. Al termine delle prove ha dichiarato: “È stato fantastico entrare finalmente in macchina e ho imparato moltissimo dai test oggi a Marrakech. È molto diverso dalla mia precedente esperienza, ma ho sentito che avevamo un ottimo programma di test e spero di essere riuscito ad aiutare il team con ciò che desideravano ottenere. L’auto ha avuto un ottimo ritmo e anche il miglior tempo di Marrakech a Marrakech è una sensazione fantastica.”

Di rilievo è la prestazione di Norman Nato della ROKiT Venturi Racinc, stakanovista di giornata avendo fatto registrare il maggior numero di giri,  un totale di 96 in entrambe le sessioni. NATO era solo un millesimo di secondo più veloce di Jake Hughes al settimo posto con la sua Mercedes-Benz EQ.

Van der Linde (Audi Sport ABT) era stato il più veloce in mattinata, poi ha chiuso la sessione con il nono tempo.

Risultati:

  1. Nick Cassidy, Envision Virgin Racing – 1: 16.467s (74 giri)
  2. Sergio Sette Camara, Geox Dragon – 1: 16.930s (84 giri)
  3. Filipi Albuquerque, DS Techeetah – 1: 17.092s (79 giri)
  4. Nicolas Lapierre, DS Techeetah – 1: 17.116s (79 giri)
  5. Kyle Kirkwood, BMW i Andretti Motorsport – 1: 17.272s (78 giri)
  6. Norman Nato, ROKiT Venturi Racing – 1: 17.302s (96 giri)
  7. Jake Hughes, Mercedes-Benz EQ – 1: 17.303s (75 giri)
  8. Lucas Auer, BMW i Andretti Motorsport – 1: 17.327s (86 giri)
  9. Kelvin van der Linde, Audi Sport ABT Schaeffler – 1: 17.360s (84 giri)
  10. Sacha Fenestraz, Panasonic Jaguar Racing – 1: 17.490s (81 giri)
  11. Daniel Juncadella, Mercedes-Benz EQ – 1: 17.594s (94 giri)
  12. Mattia Drudi, Audi Sport ABT Schaffler – 1: 17.703s (81 giri)
  13. Jamie Chadwick, Panasonic Jaguar Racing – 1: 17.721s (89 giri)
  14. Mitsunori Takaboshi, Nissan e.dams – 1: 17.799s (79 giri)
  15. Thomas Preining, TAG Heuer Porsche – 1: 17.904s (80 giri)
  16. Luis Felipe Derani, Mahindra Racing – 1: 17.941s (77 giri)
  17. Jann Mardenborough, Nissan e.dams – 1: 17.942s (68 giri)
  18. Joel Eriksson, Geox Dragon – 1: 18.019s (79 giri)
  19. Arthur Leclerc, ROKiT Venturi Racing – 1: 18.076s (88 giri)
  20. Sam Dejonghe, Mahindra Racing – 1: 18.141s (90 giri)
  21. Alice Powell, Envision Virgin Racing – 1: 18.301s (83 giri)
  22. Antonio Fuoco, NIO 333 – 1: 18.736s (74 giri)
  23. Daniel Cao, NIO 333 – 1: 19.234s (81 giri)
  24. Frederic Makowieki, TAG Heuer Porsche – 1: 19.374s (86 giri)

Seguici anche su Instagram

Formula E | Marrakech E-Prix – Audi: “Abbiamo del lavoro da fare”

Poi. Dopo. Poi. Poi. Dopo. Poi. Poi. Dopo. Poi. 

Giuseppe Cinotti

Laureato in Operatore Giuridico d'Impresa e specializzando in Relazioni Internazionali e Cooperazione allo sviluppo presso L'Università per Stranieri di Perugia. Autore per F1ingenerale.com. E’ appassionato di Formula 1 fin da bambino. Ama questo sport perchè è il suo sogno da sempre. Ama il rumore assordante, l'odore della pista, l'attesa, la tensione, le macchine che scattano impazzite, il brivido, la strada che corre veloce, i sorpassi, la paura di sbagliare, il coraggio, il superare se stessi. Il suo motto: "Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere" cit. Enzo Ferrari.