Formula 1Interviste

F1 | Un Wolff ancora avvelenato si scaglia senza pietà contro “l’idiota” Michael Masi

Toto Wolff non ha ancora chiaramente smaltito la cocente delusione di Abu Dhabi di due anni fa, avendo nuovamente sputato veleno su Michael Masi.

Sono passati ben due anni dal tragicomico finale di Abu Dhabi 2021, teatro della battaglia risolutiva tra Max Verstappen e Lewis Hamilton per il titolo. La scellerata decisione di Michael Masi, ai tempi direttore di gara, nel concedere un ultimo giro in volata, permise al fuoriclasse olandese di superare un indifeso Lewis, andando a cogliere il primo mondiale della carriera. 24 mesi più tardi, Toto Wolff ha ancora ferite profondissime per quel drammatico giorno per Mercedes.

Wolff Masi Abu Dhabi
Wolff ancora avvelenato con Masi a due anni dal finale di Abu Dhabi 2021 © Mercedes

Wolff ancora avvelenato con Masi a due anni dal finale di Abu Dhabi 2021

Recentemente, la figura di Michael Masi è tornata ad essere discussa nel paddock, con il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem che sarebbe disposto a riportare in federazione l’ex direttore di gara: “Quel pover uomo è stato attaccato oltremisura.”

Michael Masi ha passato un inferno, l’inferno in terra. Se dovessi scovare un’opportunità per la FIA e Masi dovesse essere la giusta persona, lo riporterò indietro.”

Interpellato sulle parole di Sulayem, Toto Wolff non vuole però sentir parlare del 45enne australiano, ancora ferito dai fatti di Abu Dhabi di due anni fa: ”Non voglio perdere un minuto a pensare alle motivazioni, perché questo gli darebbe troppo credito. È solo un idiota che ha preso la decisione sbagliata”.


Leggi anche: F1 | E se il rinnovo di Sargeant spalancasse la porta per Antonelli in Williams nel 2025?


“Cicatrici brutali ed incredibili, che non supereremo mai, in un certo senso. Sono diventate cicatrici e ci sono momenti in cui pensi: “Come è potuto accadere? Sappiamo come è successo”.

Quel gran premio, di fatto, sancì la fine del grande dominio delle frecce d’argento in Formula 1, almeno temporaneamente. Un dominio inaugurato nel 2014 con il debutto dell’era ibrida, e culminato proprio ad Abu Dhabi 2021, con Hamilton che addirittura non si presentò alla classica cerimonia FIA di fine anno, talmente scottato dal torto subito.

Tra il 2022 e il 2023, Mercedes è riuscita a portare a casa solamente una vittoria e due pole position, con il sette volte campione del mondo a digiuno di vittorie da ben due stagioni. Un qualcosa di mai successo nella sua carriera, e che lo spingerà sicuramente a voler spezzare tale maledizione il prossimo anno.

F1 | Las Vegas sbanca grazie alla Formula 1: l’incasso monstre dell’MGM Resort

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter