A TC Aurora Endurance GT World Challenge WEC
    Pubblicato il 16 Ottobre, 2021 alle 09:52

Tutte le novità Endurance e GT del FIA World Motorsport Council

Nella giornata del 15 ottobre si è tenuto il terzo appuntamento annuale del FIA World Motorsport Council a Parigi. Sotto la guida di Jean Todt, i rappresentanti delle categorie motoristiche sanzionate ufficialmente dalla Federazione hanno preso importanti decisioni sull’immediato futuro delle competizioni. Endurance FIA

Le novità per il WEC Endurance FIA

In risposta alle notevoli (e comprensibili) pressioni di Alpine sul punto, il WMSC ha approvato un’estensione del ciclo di vita per le LMP1 grandfathered, che potranno competere nel WEC anche nella stagione 2022. Il Costruttore francese può così contare su un ulteriore anno di rodaggio della squadra in vista del vero debutto con la propria LMDh nel 2024.

Per garantire una maggiore equità fra i competitor ed evitare un aumento eccessivo dei costi, il Consiglio ha anche votato per introdurre ulteriori limitazioni ai test fuori stagione per le Hypercar omologate prima del 2021 e nel loro secondo anno di attività sportiva. La misura colpisce al momento solo Toyota.

WEC | Nico Mueller pilota ufficiale Audi LMDh

Il “problema” piloti GT: ascoltate le richieste di Ratel?

Pur senza indicare specificamente l’oggetto della riforma, né i suoi destinatari diretti, la Commissione Sicurezza della FIA. ha annunciato una prossima revisione dei sistemi di categorizzazione piloti in base alla licenza.

I nuovi criteri sono al momento in fase di definizione, ma la decisione sembra dar seguito alle preoccupazioni di Stephane Ratel, a capo della SRO e fondamentalmente oligarca delle competizioni GT3 internazionali. Ratel, infatti, aveva recentemente indicato la necessità di una revisione delle classificazioni Platinum, Gold e Silver più corrispondente alla effettiva esperienza in pista del piloti. Così ai microfoni di Motorsport.com:

“La stragrande maggioranza dei piloti gold oggi deve essere platinum e tutti i ‘super-silver’ con esperienza in monoposto, gold. Il problema ora è che i veri silver non hanno una possibilità contro i ‘super-silver’,. i giovani che hanno corso in monoposto ma che non hanno i risultati per essere classificati come gold.”

La mancanza di equilibrio nella classificazione sta di fatto sottraendo sedili ai veri piloti gentlemen, da cui spesso dipende la sopravvivenza delle squadre e dei campionati Gran Turismo, ormai privati della possibilità di correre a livelli autenticamente amatoriali o semiprofessionistici. endurance fia

Sulla stessa linea sembrano inquadrarsi anche le recenti richieste, provenienti dall’ambiente Rally, Formula E e GT, di creazione di un ranking globale dei piloti che sia in grado di parametrare e confrontare le capacità individuali in pista, estrapolanendole dal contesto del campionato in cui si corre, per una più accurata rappresentazione dell’effettivo talento del singolo. Siu questo tema, nulla è stato detto in sede di WMSC.

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

Classe 1997, studentessa di Giurisprudenza. Coordino la redazione Endurance e GT, spesso direttamente dalla pista.
Disqus Comments Loading...