A TCFormula 1Uncategorized

F1 | GP Australia – Sintesi gara: Vittoria di Verstappen, ma tante polemiche per la gestione gara

Verstappen vince il terzo appuntamento della stagione, quello del GP d’Australia: secondo Hamilton e terzo Alonso. Leclerc DNF, Sainz fuori dai punti.Gp Australia Verstappen

Verstappen vince il terzo appuntamento della stagione, quello del GP d’Australia: secondo Hamilton e terzo Alonso.

Giri 1-10

Un’ottima partenza di George Russell e Lewis Hamilton che passano subito Max Verstappen. Subito notte fonda per Ferrari, con un Leclerc che viene colpito da Stroll dopo poche curve.
Nel frattempo, con bandiera gialla in corso, in molti si fermano per un primo (e molto anticipato di Stroll). I primi posti si trovano tutti con gomma media, mentre il più veloce in pista è per il momento Russell. Nel frattempo Perez, partito in pit lane, si trova al 17esimo posto.


Nel frattempo anche Alex Albon finisce a muro causando bandiera gialla. Russell e Sainz in pit per un cambio di gomme. Bandiera rossa all’ottavo giro. La ripartenza avverrà in griglia di partenza.

Giri 10 – 20

Seconda partenza a Melbourne. Grande partenza di Hamilton, seguito da Verstappen e Alonso. Contatto per De Vries nella stessa zona di Leclerc, ma l’olandese torna in pista. Sotto investigazione la ripartenza di Hamilton, molto molto lenta e che ha rischiato di causare incidenti tra altri piloti. Nel frattempo inizia la sua rimonta Sainz. Al giro 12 passa Verstappen su Hamilton. Problemi anche per George Russell, con fuoco e fiamme dal posteriore. Il britannico si è fermato in uscita pit lane. VSC. Nel frattempo torna a vita Alonso, appena dietro ad ad un Hamilton in difficoltà.

Giri 20-30

Perez torna in undicesima posizione. Nel frattempo Sainz cerca di avvicinarsi a Gasly per ottenere la quarta piazza. Ottimo passo gara della Rossa. Al giro 25 lo spagnolo riesce a passare il francese dopo qualche giro.

Giro 30-40

Non scappa Sainz nei primi giri, che rimane sempre in zona DRS con Gasly e Stroll. I piloti nelle prime posizioni sono ora in gestione gomme. Nel frattempo qualche segno di miglioramento per McLaren con Norris ottavo e Piastri undicesimo. Sainz guadagna qualcosina su Alonso, ma i due dietro non demordono. Molto tyre management per Hamilton e altri piloti, scettici si arrivare fino in fondo con il treno di gomme attuale. Dopo tanti giri veloci di Verstappen, torna la luce fucsia per Hamilton, che però è preoccupato per il degrado gomme.


Leggi anche

F1 | GP Australia – Leclerc dopo l’incidente: “Tre gare dove è andato tutto storto, abbiamo veramente pochi punti”


Giri 40-58

Perez, dietro a Norris, fa giro veloce e supera il britannico è Hülkenberg in pochi km. Nel frattempo ottima gara per Gasly, sempre in zona DRS con Sainz.  Alonso torna pericolosamente sotto a Hamilton per la seconda posizione, ma anche il britannico riesce a velocizzarsi e mantenere le posizioni. Verstappen va lungo alla penultima curva, finendo leggermente nell’erba, perde 3s ma il distacco rispetto a Hamilton è veramente alto. Grande lotta tra Norris e Hülkenberg per l’ottava posizione, con il tedesco che finisce in ghiaia e permette al britannico di passare. Problemi per Kevin Magnussen: scoppia la gomma del danese dopo un contatto con il muro! Bandiera Rossa.
Pronti per una nuova partenza dalla griglia!

MEGA INCIDENTE!!! Gasly, Ocon, Sargeant, Alonso (errore di Sainz), Stroll tutti DNF o fuori pista! Prontamente arriva bandiera rossa e dopo minuti di attesa si decide per ripartenza dietro safety car con un solo giro (classifica del giro precedente, quindi con Sainz quarto e non terzo e togliendo le monoposto in DNF). Nel frattempo 5 secondi di penalità per Carlos Sainz dopo l’incidente con Alonso. Termina 12esimo lo spagnolo. Seguiranno sicuramente molte polemiche dopo questo GP.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter