Formula 1Interviste F1Uncategorized

F1 | Toto Wolff torna sul passaggio di Hamilton in Ferrari: “Forse non credeva alla nostra ripresa”

Toto Wolff ha parlato di come sia evoluto il rapporto con Lewis Hamilton e della sua scelta di passare in Ferrari.

A fine anno Lewis Hamilton dirà addio alla Mercedes di Toto Wolff per accasarsi in Ferrari. Il Team Principal austriaco ha ripercorso il suo rapporto con il sette volte campione del mondo in 11 anni insieme.

toto wolff hamilton ferrari mercedes f1 2025 contratto
Toto Wolff è tornato a parlare del passaggio di Lewis Hamilton in Ferrari © Getty Images

Un’accoppiata vincente come poche in F1. Tantissimi record riscritti, traguardi raggiunti e titoli conquistati. Hamilton e Mercedes è un binomio che rimarrà nei libri di storia.

Naturalmente c’è stata molta sorpresa il giorno dell’annuncio del passaggio di Lewis in Ferrari. Toto Wolff ha più volte ammesso di essere rimasto “deluso” dalla decisione di Hamilton.

Hamilton – Wolff, 11 anni insieme

In un’intervista rilasciata a Mundo Deportivo, Wolff ha parlato proprio del suo rapporto con Lewis in questi anni di Mercedes e di cosa cambierà quando invece sarà in Ferrari.

“Le cose sono cambiate”, ha spiegato il TP Mercedes. “Quando abbiamo iniziato nel 2012 non sapevamo cosa aspettarci l’uno dall’altro”. 

“Lui era un campione del mondo, una superstar già allora. Io ero abbastanza nuovo nel settore, anche se non direi “inesperto” come professionista, visto che avevo 20 anni di carriera alle spalle“. 

“Nel corso degli anni il rapporto si è rafforzato. Non credo che Lewis sia una persona che si fida molto, ma ha imparato a fidarsi. Io gli ho dato motivo di farlo ed anch’io mi sono fidato di lui”.


Leggi anche: F1 | Max Verstappen, il pilota che tutti amano odiare


“Penso che abbiamo imparato a fidarci l’uno dell’altro. ‘Fiducia’ è una parola importante. Lo abbiamo fatto nella buona e nella cattiva sorte. Perciò sono in pace con la sua decisione”.

“Capisco che la nostra squadra non aveva un buon rendimento e questo ha giocato un ruolo. Forse era scettico sul fatto che potessimo riprenderci. Capisco che a volte si ha bisogno di un ambiente diverso dopo tanti anni. Per quanto ne so, è il rapporto pilota-squadra più lungo che esista”.

“Credo che avrà un pacchetto retributivo notevole”, ha concluso Wolff. “Ci sarà molto interesse quando indosserà la tuta rossa per la prima volta e guiderà la macchina rossa. Poi però si deciderà in base alle prestazioni della squadra e del pilota. Sarà tutto come al solito, solo vestito con un colore diverso”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.