Vettel critica l’ibrido e la sostenibilità in F1: “Eliminare tutto ciò che è inutile a partire da aerei di linea e militari”

Intervistato da un quotidiano tedesco, Sebastian Vettel ha analizzato criticamente la scelta della F1 di puntare sulla sostenibilità. Vettel Frecce Tricolore

 Vettel Frecce Tricolore Leclerc Ferrari Monza
Le Frecce Tricolore a Monza in occasione del GP d’Italia 2019

Sebastian Vettel non ritiene consono ad uno sport pionieristico come la F1 l’obiettivo delle zero emissioni solamente nel 2030. Il pilota tedesco ritiene che la categoria regina del motorsport dovrebbe accelerare il passo spingendo per l’utilizzo di carburanti meno inquinanti. Solo nel 2022, infatti, la F1 passerà dal 5% al 10% di biocarburanti e bisognerà attendere i nuovi regolamenti delle Power Unit per arrivare ad utilizzare il 30% combustibili meno inquinanti. Vettel Frecce Tricolore

“Sarà obbligatorio utilizzare almeno il 10% di biocombustibili solamente nel 2022, ma è ancor più deludente sapere che questa percentuale salirà al 30% solo dopo le nuove normative sui motori nel 2025 o 2026″, ha dichiarato il pilota tedesco a Frankfurter Allgemeine Zeitung.

Sebastian Vettel ha bocciato totalmente la scelta di puntare sui motori ibridi, una tecnologia performance che però non potrà essere sfruttata sulle vetture stradali e lancia un monito alla F1.

“Negli ultimi anni la F1 ha pubblicizzato l’ibrido, ma la verità è che oggi abbiamo i motori a combustione interna più efficienti al mondo che non verranno mai implementati nelle vetture stradali. L’ibrido è un po’ lo specchietto per le allodole per lanciare al mondo il messaggio di equilibrio ambientale. Al giorno d’oggi non sappiamo se le batterie vengono ricaricate con l’elettricità prodotte da energie rinnovabili o da una centrale elettrica a carbone.”


Leggi anche:
Automotive | 50 sfumature di auto – Elettrica sì, elettrica no


“La F1 dovrebbe mantenere il ruolo di pioniere della tecnologia, è proprio questo che garantisce la sopravvivenza del circus”, ha proseguito il pilota Aston Martin.

Il pilota tedesco è stato particolarmente critico anche su tutte le manifestazioni di contorno che seguono gli eventi della Formula 1. Se il passaggio a carburanti eco-sostenibili sarà lento, sarà molto più semplice eliminare tutto ciò che è inutile allo sport.


“Capita sempre più spesso di vedere aerei di linea vuoti o velivoli militari sorvolare le nostre teste prima della partenza delle gare. Principalmente vengono usati per sponsorizzazioni o semplicemente perché alcuni Paesi vogliono mostrare il proprio potere; penso sia qualcosa di obsoleto e uno spreco inutile di risorse. Il pubblico va intrattenuto in altro modo e vedere queste manifestazioni anche nel 2020, con le tribune vuote,;è stato ancor più assurdo”, ha concluso Sebastian Vettel.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Automotive | 50 sfumature di auto – City Car elettrica? Ma poi risparmi davvero?

Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. 

mm

Marco Talluto

Ingegnere Gestionale appassionato di Formula 1. Social Media Manager dal 2009 con la voglia di trasmettere la mia passione per il motorsport.