WEC | Dal 2024 la 6 ore del Qatar aprirà il calendario

La 6 ore del Qatar sarà la gara di apertura del WEC dal 2024: importanti anche i risvolti per la logistica e il resto del calendario

Immagine della presentazione della 6 ore del Qatar WEC: presenti su un podio le quattro Hypercar di Peugeot, Ferrari, Porsche e Toyota
Immagini FIA WEC – La 6 ore del Qatar dal 2024 sarà la gara di apertura del mondiale, in un calendario in espansione

Una suntuosa cerimonia di presentazione a Doha, ha visto presenti i vertici ACO, molti giornalisti di settore e i piloti, il management e per la prima volta assieme le Hypercar di Peugeot, Ferrari, Toyota e Porsche per l’annuncio della nuova gara del WEC: dal 2024 la 6 ore del Qatar sarà la gara di apertura del Mondiale Endurance.

Il circuito di Lusail, che ospita dal 2004 la MotoGP e ospiterà di nuovo anche la F1 dal 2023, sarà rinnovato pesantemente nel paddock e nelle infrastrutture per diventare “il circuito più moderno del mondo”. Il tracciato ospiterà anche i test prestagionali, il cosidetto “Prologo” una settimana prima della 6 ore. Il Qatar sarà la 13a nazione visitata dal WEC, e Lusail il 14° circuito ad ospitare una gara.

Il Golfo persico aprirà e chiuderà la stagione, con la 8 ore del Bahrain confermata fino al 2027: è interessante notare che oltre a Ferrari, Porsche e Lamborghini, in Qatar Toyota vende molte vetture, il 52% del mercato.

Le dichiarazioni ufficiali 6 ore del qatar WEC calendario

Pierre Fillon, Presidente dell’ACO:

Siamo lieti di estendere il campionato mondiale Endurance della FIA a un circuito così favoloso. Dal 2024, Lusail aprirà il campionato, offrendo ai concorrenti un ambiente di prim’ordine. Ringrazio di cuore Abdulrahman Al-Mannai e tutti i collaboratori del circuito per questa superba opportunità per le gare di endurance”.

Richard Mille, Presidente della Commissione Endurance della FIA:

“Il Circuito Internazionale di Lusail è una struttura moderna e ben abituata alle esigenze di eventi motoristici di livello mondiale. Pertanto, la sua adesione al FIA World Endurance Championship è uno sviluppo positivo e logico. Valorizzare la diversità regionale è un aspetto molto importante per la FIA. Allo stesso tempo, promuovere il motorsport e il FIA WEC in nuovi mercati è qualcosa che sarà vantaggioso per i fan, i produttori coinvolti e i promotori. È bello vedere l’ecosistema del FIA WEC crescere in modo controllato ed espandersi con l’aggiunta di eventi situati al di fuori dell’Europa”.

Frédéric Lequien, CEO FIA WEC:

“Siamo lieti di aver firmato un contratto di almeno sei anni con il Lusail International Circuit per portare il WEC in Qatar per la prima volta. Gli ampi lavori di ristrutturazione attualmente in corso a Lusail lo renderanno uno dei circuiti più prestigiosi al mondo. Il 2024 sarà un anno memorabile: non solo avremo diversi costruttori mondiali che gareggeranno nella categoria Hypercar, ma porteremo le gare di durata in un altro nuovo territorio”.

S.E. Akbar Al Baker, CEO del Gruppo Qatar Airways e Presidente di Qatar Tourism: “Siamo entusiasti di vedere un’altra categoria motoristica di primo piano: il FIA World Endurance Championship che arriverà in Qatar nel 2024. Come la Formula 1, che tornerà a correre sul Circuito di Lusail nel 2023, queste Hypercar utilizzano la migliore tecnologia della categoria per superare i limiti dell’ingegneria. La serie coinvolge i produttori più prestigiosi di tutto il mondo e attira un pubblico globale. Questi attributi di tecnologia avanzata e fascino globale sono fondamentali per il continuo sviluppo del turismo nello Stato del Qatar. Ci congratuliamo con la QMMF per essersi assicurata la gara ogni anno fino al 2029 e ci auguriamo di assistere a ulteriori eventi motoristici di livello mondiale”.


Abdulrahman bin Abdullatif al-Mannai, Presidente della Qatar Motor and Motorcycle Federation:

“Siamo orgogliosi di aver stabilito una solida posizione nel panorama sportivo locale, regionale e internazionale. Il WEC è molto seguito e attualmente è uno dei campionati di corse più riconosciuti a livello globale. Per ciò che l’evento rappresenta a livello mondiale, il Qatar è immensamente onorato di ospitare il round di apertura della 12a stagione del WEC nel 2024. Senza dubbio, ospitare questa attesissima edizione del WEC è un’altra importante pietra miliare e un altro sogno del Qatar realizzato.

Abbiamo già effettuato i necessari rinnovamenti e aggiornamenti del circuito per offrire un’esperienza all’avanguardia di livello mondiale sia ai fan che ai piloti partecipanti, implementando tutte le modifiche necessarie per conformarci agli standard tecnici della FIA e introducendo tecnologie avanzate che si addicono a uno dei suoi eventi sportivi, ma siamo certi che questo viaggio di sei anni che abbiamo intrapreso ci motiverà a spingere ancora più in là i confini di ciò che prima pensavamo fosse realizzabile, permettendoci di apportare enormi miglioramenti all’impianto a partire dal 2030”.

Le conseguenze per il WEC: la logistica passa per Qatar Airways?

Fin qui i comunicati ufficiali: andiamo un attimo oltre la notizia. Sarebbe un eufemismo dire che questa nuova gara è stata accolta con ben poco entusiasmo, con il Qatar già al centro delle attenzioni negative per via dei mondiali di calcio e del recente caso di corruzione al Parlamento Europeo, e il tempismo dell’ACO certamente non è dei migliori. Allo stesso tempo l’offerta proposta dalla penisola del Golfo era probabilmente molto difficile da rifiutare, anche al costo di ricevere tutte queste critiche e avere due gare nella stessa regione e lontano dal cuore degli appassionati.

Il Qatar possiede anche la compagnia aerea di bandiera Qatar Airways, dotata di una consistente flotta cargo (747 e 777) che potrebbe rimuovere il principale ostacolo all’espansione del WEC. Il mondiale endurance fin qui ha sempre lavorato con una logistica interamente via nave, che ha supportato un massimo di 9 gare, 5 delle quali extraeuropee. Durante la lunga transizione del WEC sono intervenute diverse crisi, che hanno alzato il costo delle navi cargo e reso il trasporto via nave più lento e inaffidabile. Allo stesso tempo c’è adesso la necessità di evitare conflitti con l’IMSA, che quest’anno sono stati inevitabili: la 6 ore di Monza ad esempio può essere collocata solo il 9 luglio, con le auto che devono partire per il Giappone 2 giorni dopo, in tempo per la gara di Settembre.

Il Qatar già offre una somma di denaro sufficiente a gestire l’intera logistica del MotoMondiale, e con l’obiettivo dell’ACO di giungere a 10 gare all’anno è facile capire perchè Lusail sarà il nuovo teatro di apertura del mondiale.

Le conseguenze per il WEC: SuperSebring e il futuro negli USA?

Immagine della partenza della 1000 miglia di Sebring WEC 2019
La 1000 miglia di Sebring e il format SuperSebring è stato un sicuro successo, ma continuerà in futuro

La domanda ovvia riguarda il futuro della 1000 miglia di Sebring, evento nato nel 2019, con 3 edizioni in archivio, che assieme alla 12 ore di Sebring IMSA costituisce il weekend SuperSebring a metà marzo. Un successo per gli appassionati e gli organizzatori, con l’ACO che non ha dovuto soffrire le tribune vuote delle gare svolte al COTA.

Il contratto con Sebring scade quest’anno, e con questa nuova gara, e Roger Penske che spinge per un’altra corsa al “suo” Indianapolis Motor Speedway ci sono rumour che vedSebring tagliata fuori dal mondiale.

Tuttavia il Presidente ACO Pierre Fillon ha assicurato ai giornalisti presenti in Qatar che Sebring è assolutamente parte dei piani per il 2024, e le suggestioni di una gara a Indianapolis o Road Atlanta sono solo speculazioni.

Il calendario 2024 vedrà quindi il Prologo e la 6 ore del Qatar tra fine Febbraio e inizio Marzo, per poi andare a Sebring per il doppio weekend con l’IMSA. Aprile vedrà probabilmente di nuovo due gare, una delle quali sarà sicuramente la 6 ore di Spa. Dopo la 24 ore di Le Mans ci potrebbero quindi essere anche due gare in Europa, una forse in Italia a Monza (se non viene spostata in Aprile), per poi tornare al Fuji a settembre e in Bahrain a Novembre, formando un ipotetico calendario a nove gare. Si potrebbe giungere fino a 10 gare, senza stressare troppo la (rinnovata) logistica e il budget dei team privati.

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

WEC 6 ore Qatar calendario

 

Francesco Ghiloni

Studente universitario e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.