WEC | 24 Ore di Le Mans, al debutto il formato Hyperpole: lo commentiamo con James Calado

La 24 Ore di Le Mans 2020 ha visto il debutto di un nuovo formato di qualifica, l’Hyperpole, di cui vi avevamo parlato qualche tempo fa. Oggi abbiamo fatto quattro chiacchiere con James Calado, asso della Ferrari #51 qui vincitrice l’anno scorso e autore del tempo valso la P2 per la partenza, per saperne di più su cosa pensano i piloti di questa novità.

le mans Hyperpole

Un bilancio ottimista le mans hyperpole

Mancare la pole in un evento come la 24 Ore di Le Mans può ferire l’orgoglio, ma non necessariamente arriva a compromettere la gara. Le prime sensazioni in casa Ferrari, infatti, sembrano più che positive sul pacchetto 2020.

“Sicuramente è stato un weekend diverso, ci mancano i tifosi ed è un peccato perdere quell’atmosfera.  In ogni caso, abbiamo un compito da portare a termine anche per regalare emozioni a chi ci segue da casa. Fino alla qualifica la situazione è stata complessa, e ancora siamo lontani dalla perfezione. Abbiamo qualche problema di bilanciamento, la differenza si sente soprattutto fra le curve a bassa e alta velocità. Alessandro [Pier Guidi, ndr] ieri ha fatto quasi un miracolo, oggi io ho conquistato la prima fila ma il giro non è stato ottimale. Ho fatto un paio di errori, avrò perso circa un decimo e mezzo. D’altronde, il giro perfetto non esiste! Questa alla fine è la mia sesta partecipazione a Le Mans, ce la metteremo tutta come sempre. Una parola sul BoP? Ogni anno è la stessa storia… Meglio concentrarci sulla nostra macchina. Posso dire però che noi abbiamo già dato tutto quello che avevamo, quindi speriamo che gli altri non si siano nascosti.”

Esclusiva 24 Ore di Le Mans con Emanuele Pirro: “L’Hypercar sarà difficile da implementare. Audi e Lamborghini? Osservano la situazione…”

Problemi di traffico

Nemmeno un giro lungo come quello di Le Mans è sufficiente per mettere al riparo i piloti dall’odiato traffico in qualifica, d’altronde peggiorato dall’enorme quantità di macchine in pista. Proprio per ovviare a questo problema, infatti, si è pensato all’Hyperpole. Si può dire che questo escamotage abbia funzionato?

“L’Hyperpole è una bella trovata! Chiaramente non è necessaria in LMP1, ma per noi è piacevole avere qualche modifica nel format. In particolare, è positivo ridurre il traffico: ad essere sincero non ho mai avuto un giro veramente pulito fino all’ultimo, quest’anno è davvero un problema. Ovviamente nel WEC abbiamo gentlemen driversin diverse classi, ma in tutta onestà penso che in alcuni casi la loro presenza vada ridotta. Giusto ieri, un paio di piloti hanno preso bandiera nera, abbiamo già visto brutti incidenti soprattutto in LMP2. Evitare queste situazioni sarà una sfida, credo anche che il sistema andrebbe rivisto per fare in modo che non costituiscano un pericolo per sé e per gli altri.”

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

mm

Aurora Dell'Agli

Classe 1997, studentessa di Giurisprudenza, blogger su @theracingchick. Ho un occhio di riguardo per Endurance, competizioni GT, Formula 1 e Formula E.