WEC | 24 Ore di Le Mans, sintesi FP1: Toyota e Aston Martin in grande spolvero

L’azione in pista alla 24 Ore di Le Mans è appena iniziata, e gli equilibri cominciano a definirsi. Nelle FP1 è doppietta Toyota in testa, High Class davanti a tutti in LMP2, e Aston Martin domina sia in GTE-Pro che in GTE-Am. le mans fp1

le mans FP1

Una tabella di marcia particolare

In questa edizione 2020, le prove libere saranno più importanti che mai. Causa COVID, infatti, i consueti test days che precedono la classica di La Sarthe sono stati annullati, e anche la tabella di marcia è stata compressa in appena quattro giorni. Porsche, ad esempio, ha forti timori che questa mancanza di preparazione incida vistosamente sui risultati in pista. Così Richard Lietz.

“Abbiamo fatto il possibile per limitare questo svantaggio, ma la realtà è che non si possono fare i test per Le Mans da nessun’altra parte, se non a Le Mans. Ci si può fare un’idea delle velocità massime a Monza, ma lì non ci sono cordoli alti come a La Sarthe”.

Proprio per questo, le ore complessive in pista oggi saranno quasi undici. Alle FP1 da poco concluse, durate tre ore, si aggiungerà un’ulteriore sessione pomeridiana di pari durata, le prime qualifiche da 45 minuti e, per concludere, una sessione notturna di quattro ore.

WEC | 24 Ore di Le Mans – Gli orari e dove poter seguire la gara

Qualche primo dato le mans fp1

Se è sempre una Toyota a dettare il passo in classe LMP1, possiamo già notare una differenza rispetto ai tempi sul giro nel 2019. Il miglior crono della mattinata, un 3:21.656, è quasi tre secondi e mezzo più lento dell’anno passato. A incidere su questa differenza, oltre ovviamente alle specifiche tecniche, è anche la mancanza di track time preventivo: tutti quanti stanno cercando di acclimatarsi di nuovo alla pista.

Crono diversi (la differenza rispetto al 2019 è di circa un secondo e mezzo) anche in LMP2, dove High Class Racing si piazza in testa con 3:29.873 in una classe decisamente affollata. Come vi avevamo anticipato, in entrambe le classi GTE il BoP sembra favorire nettamente Aston Martin, in testa (con doppietta) in GTE-Pro e prima in GTE-Am, piazzandosi addirittura davanti a diverse vetture Pro. Ferrari non demorde, con la #51 in terza posizione, e d’altronde il BoP sarà soggetto a costanti revisioni fino al giorno della gara.

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.


 

mm

Aurora Dell'Agli

Classe 1997, studentessa di Giurisprudenza, blogger su @theracingchick. Ho un occhio di riguardo per Endurance, competizioni GT, Formula 1 e Formula E.