WEC | 24 ore di Le Mans – Sintesi Qualifiche Hyperpole: Toyota e Porsche in Pole

WEC | L’Hyperpole chiude le Qualifiche della 24 ore di Le Mans: Toyota in pole ma manca il record, Rebellion in prima fila, Porsche in pole con Bruni in GTE-PRO

le mans qualifiche hyperpole
Immagini Toyota Gazoo racing

LMP1

Toyota esce subito, e Kobayashi inizia le corse con un 3.15920, ma Menezes gli soffia la pole in 3.15.822, un record per le non ibride, grazie a un fenomenale settore 2.

Kobayashi non ci sta e segna un 3.15.267, avvicinandosi al suo record del 2017.

Sul finale della sessione Kobayashi toglie 9 decimi ai settori record e sembra in grado di migliorare il 3.14.791, ma supera i limiti della pista e abortisce il giro, rendendo longevo il suo record, che non sarà migliorato dalle Hypercar.

In seconda posizione si piazza la Rebellion #1, seguita dalla Toyota #8 di Nakajima, quarta la Rebellion #3 di Delatraz in 3.16.090, seguita dalla ByKolles a 1,2 secondi.

LMP2 le mans qualifiche hyperpole

Paul di Resta gira in 3.24.528 aprendo i giri veloci, è subito record. Sbaglia Nick De Vires alle Porsche uscendo nella ghiaia ma recuperando al limite la vettura.

A seguire Di Resta è la #26 G-Drive di Vergne a 6 decimi, seguita dalla #37 Jackie Chan di Stevens a 1,3 secondi.

Negli ultimi minuti De Vries recupera il suo errore nelle fasi iniziali e si piazza secondo 3.25.062, ma Vergne si riprende il posto in 3.24 860.

Quarta posizione per la #33 High Class di Yamashita, quinta per la #32 United Autosport di Brundle e sesta per la #37 Jackie Chan.

GTE-PRO

le mans qualifiche hyperpole
Immagini Porsche Motorsport

Ferrari e Porsche escono subito, Aston aspetta qualche minuto. Bruni sulla Porsche #91 gira in 3.50.812, ma infrange i limiti della pista e Bird (Ferrari #71) passa in pole virtuale. Bruni dopo un giro di raffreddamento riesce a girare 3.50.874.

Dopo 15 minuti escono le Aston, mentre gli altri cambiano le gomme. Sorensen (#95) si piazza tra la Porsche #91 e la Ferrari #71, a 4 decimi da Bruni.

Lynn esegue due giri e si piazza davanti alla #71 e alla Porsche #92, a tre decimi dalla #95, che si migliora ma va fuori di pista e perde il tempo.

In Ferrari Calado rientra in pista, mentre Bird resta ai box così come Bruni. Calado trova il passo per 3.51.068, piazzandosi in seconda posizione a due decimi da Bruni. le mans qualifiche hyperpole

Gli altri piloti sono tutti rientrati ai box, mentre Christensen non migliora.

Gianmaria Bruni e la Porsche #91 conquista quindi la prima Hyperpole GTE-PRO, lo segue a 2 decimi James Calado sulla Ferrari #51, mentre è terzo Sorensen sulla Aston Martin #95. Quarta posizione per la Aston #97, seguita dalla Ferrari #71 di Bird e dalla Porsche #92

Giudizio positivo del nuovo sistema da parte di Bruni: “È un sistema figo, specie in queste condizioni difficili”.

GTE-AM le mans qualifiche hyperpole

Anche in GTE-AM le Aston non escono subito, Cambell (Porsche #77) in 3.51.322. Lo segue a 3 decimi Cairoli e a 1 secondo la Ferrari #61 Luzich.

Con 5 minuti alla fine Ledogar si piazza in pole in GTE-AM in 3.51,266, mentre Campbell non riesce a migliorare.

Pole Position quindi, con un tempo valido per la 4ª posizione GTE-PRO, per Luzich Racing, un team che aveva cessato le sue attività quest’anno e ha proseguito solo per questa gara.

[Griglia di partenza]

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

WEC | 24 Ore di Le Mans 2020 – Sintesi FP4: Rebellion e Porsche di nuovo al comando

 

Francesco Ghiloni

Studente universitario e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.