WEC | 6 ore di Silverstone: Anteprima e orari TV

Dopo la lunga pausa estiva post-Le Mans il mondiale Endurance ritorna in Inghilterra per la 6 ore di Silverstone. Orari WEC 6h Silverstone 

Orari WEC 6h Silverstone
Immagini Toyota GAZOO racing

La Superseason WEC 2018/19 giunge al terzo appuntamento, la 6 Ore di Silverstone. Il circuito inglese ospita questa gara dal 2012, e assegna il RAC Tourist Trophy, uno dei più antichi trofei del motorsport (assegnato per la prima volta nel 1905).

Solitamente questa gara si teneva a metà aprile, e il plumbeo clima anglosassone non ha mancato spesso di mettere i bastoni fra le ruote ai partecipanti: nel 2016 addirittura nevicò durante le terze prove libere.

Nelle ultime 6 edizioni tre vittorie assolute per l’Audi (2012, 2013 e 2015), una per Porsche (2016) e due per Toyota (2014 e 2017).


Gli orari

In concomitanza con il WEC si tiene anche l’ELMS, con una 4 ore il sabato pomeriggio, e la F3 europea.

Giorno Ora Evento
Venerdì 17 Agosto 13:15-14:45 Prove libere 1
Venerdì 17 Agosto 17:25-18:55 Prove libere 2
Sabato 18 Agosto 10:00-11:00 Prove libere 3
Sabato 18 Agosto 13:00-13:20 Qualifiche GTE
Sabato 18 Agosto 13:25-13:45 Qualifiche LMP1/2
Domenica 19 Agosto 13:00-19:00 Gara

Come sempre l’app del WEC, motorsport.tv e Eurosport player trasmetteranno tutta la gara e le qualifiche in streaming, mentre Eurosport 1 trasmetterà l’ultima ora di gara.

I partecipanti

Questo slideshow richiede JavaScript.

LMP1

La vincitrice della 24 ore di Le Mans, Toyota, pilotata da Fernando Alonso (che conclude le sue brevi vacanze), Sebastien Buemi e Kazuki Nakajima sfiderà il beniamino di casa Jenson Button (insieme a Vitaly Petrov e Mikhail Aleshim) della scuderia SMP Racing. Sull’altra vettura del team russo ci saranno due piloti anziché tre, ovvero Stéphane Sarrazin ed Egor Orudzhev, mentre sull’altra Toyota guideranno Mike Conway, Kamui Kobayashi e Josè Maria Lopez. Guideranno anche “in casa” Oliver Webb del team ByKolles Racing insieme a René Binder e un terzo pilota ancora da ufficializzare e Ben Hanley sulla Dragonspeed con Henrik Hedman e Renger Van der Zande. Presenti anche Mathias Beche, Thomas Laurent e Gustavo Menezes sulla Rebellion R13 motorizzata Gibson di Rebellion Racing.

Abbiamo infine il forfait delle Manor del CEFC TRSM Racing, che dopo la prestazione deludente a Le Mans stanno ricostruendo le macchine attorno al nuovo motore AER, che sostituisce il Gibson montato in precedenza.

La BR1 del team SMP Racing. Notate come all’anteriore il numero di flap e diveplanes si sia moltiplicato per SIlverstone

Per la prima volta in questa stagione verrà usato il pacchetto aerodinamico High Downforce sulle LMP1, che consiste in nuovi archi delle ruote, più diveplanes e in generale una gestione totalmente diversa dell’aerodinamica del corpo vettura, che sposta il rapporto deportanza/resistenza dalla parte della deportanza, essendo Silverstone un circuito dove la velocità in curva conta come e più di quella in rettilineo. Sono permessi due bodywork a stagione secondo il regolamento, non vedremo quindi altre modifiche aerodinamiche alle auto, se non appunto per scambio tra i due kit aerodinamici (High Downforce e Low Drag).

LMP2

Ritorno di Anthony Davidson che debutta a bordo dell’Oreca 07 – Gibson di Dragonspeed, assieme a Roberto Gonzalez e Pastor Maldonado. Presente anche il team Jackie Chan DC Racing che non porta particolari novità, al contrario del Racing Team Nederland con Nyck de Vries, al momento al 5° posto nel campionato di Formula 2, che debutta nel WEC e prende il posto del connazionale Jan Lammers. Non ci sarà il team G-Drive, impegnato nell’European Le Mans Series che si tiene in contemporanea a Silverstone.

GTE-PRO

Ad ora il dominio indiscusso è di Porsche, in quanto sono riusciti a far salire sul podio entrambe le vetture alla 24 ore di Le Mans. Sicuramente Aston Martin e Ferrari (che sta faticando e non poco con AF Corse) cercheranno di sferrare dei colpi e ridurre il vantaggio del team tedesco. Inoltre, AF Corse potrà contare sul tifo per il pilota inglese Sam Bird che sta correndo per la scuderia di Maranello. Un occhio puntato anche sulle BMW M8 GTE del BMW Team MTEK e su Ford Chip Ganassi Team UK che, oltre ad avere la sede non molto lontana da Silverstone, schiererà i due inglesi Andy Priaulx ed Harry Tincknell.

Turner e Adam non saranno al volante delle Aston Martin #95 e #97, dopo che la squadra ha deciso di passare da un equipaggio di tre piloti a uno di due. Adam entra a far parte dell’equipaggio dell’Aston Martin #90 in GTE-AM.

GTE-AM

La sfida è accesissima fra Porsche, Aston Martin e Ferrari. La Porsche numero 88 gareggerà con un trio tutto italiano composto da Matteo Cairoli e Gianluca e Giorgio Roda, rispettivamente padre e figlio. Ma non saranno gli unici italiani, in quanto sulla Spirit of Race motorizzata Ferrari troviamo Francesco Castellacci e Giancarlo Fisichella insieme allo svizzero Thomas Flohr.

Equivalence of Technology

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nuova gara, nuovo cambio al sistema di equivalenze della classe LMP1, o EoT. Questa volta l’ACO è intervenuta in maniera abbastanza pesante: le LMP1 aspirate perdono 15 kg, è stata aumentata la quantità di carburante per stint, e il flusso di carburante passa da 108 (Le Mans) a 115 kg/h sia per le aspirate che per i turbo.

Probabilmente le Rebellion e le SMP potranno avvicinarsi alle Toyota con questa nuova situazione.

Balance of Performance

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo la 24 Ore di Le Mans che ha un BoP a sè, si ritorna al sistema automatico per le classi GTE. E mentre in GTE-AM la situazione è invariata rispetto a Spa, in GTE-PRO ci sono dei marginali cambiamenti, a favore di Aston Martin e Ferrari.

L’Aston Martin guadagna 5 litri in più di serbatoio e 0,06 bar di pressione del turbo, Ferrari guadagna 0,01 bar di pressione del turbo.

[Decisioni dell’Endurance commitee]

La gara del 2017

Immagini Toyota GAZOO Racing

Vince la Toyota con la #8 di Buemì-Davidson-Nakajima, con il primo che passa la Porsche #2 di Hartley nell’ultimo stint, dimostrando un passo impressionante. La Toyota #7 invece va a muro a causa di uno degli scrosci di pioggia che caratterizzano la gara, e riprende la corsa dopo un’ora ai box.

Primo successo per la #38 del team Jackie Chan DC Racing in LMP2, trionfo per la Ferrari #61 del Clarwater Racing in GTE-AM e per la Ford #67 in GTE-PRO.

Di Simona Dominici e Francesco Ghiloni


Orari WEC 6h Silverstone Orari WEC 6h Silverstone Orari WEC 6h Silverstone 

24h di Le Mans 2018 | Alonso: “Adesso la priorità è la 500 Miglia di Indianapolis”

Francesco Ghiloni

Studente universitario e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.