WEC | 6 ore di Spa – Sintesi prove libere : Rebellion e Porsche davanti!

Inizio positivo per la Rebelllion, che guida tutte e tre le sessioni di prove libere per la 6 ore di Spa WEC. In GTE-PRO Porsche davanti, la #29 Racing Team Nederland guida in LMP2

Immagini Rebellion

Prima sessione

La prima sessione di giovedì pomeriggio è stata caratterizzata da un incredibile quantità di infrazioni dei limiti della pista, oltre 200, che hanno portato a diverse penalità scontate durante le prove, come uno Stop&Go per la Porsche #91 e addirittura una bandiera nera per la Ferrari #83 AF Corse di Collard-Perrodo-Nielsen.

Immagini Toyota Gazoo Racing – La nuova carrozzeria low Downforce della TS050H. Da notare lo specchietto integrato nel passaruote e i nuovi bargeboards

La Rebellion ha optato per la carrozzeria ad alta deportanza, sfruttando al massimo il vantaggio del Success ballast.

Toyota ha invece sfruttato l’occasione di Spa per svelare il suo pacchetto low Drag per Le Mans, che sarà certamente l’ultima evoluzione per la TS050H.

Tempi comunque molto alti in questa sessione, con la Rebellion prima in 2:02.469, seguita dalla ByuKolles di Webb in 2:03.515 e dalla Toyota #7 e #8  a qualche decimo.

In LMP2 Giedo Van Der Garde segna un 2:03.888 con la #29 Racing Team Nederland, seguito a un decimo da Davidson sulla #38 Jota e a 2 dalla #22 United Autosport.

In GTE-PRO Christensen ha guidato il gruppo in 2:16.057, un quarto di secondo più veloce della Aston #97, seguita poi Dalla Porsche #91 e dalle due Ferrari #51 e #71.

Proprio la vettura più richiamata dalla direzione gara è in testa a questa sessione, la Ferrari #83, seguita dalla Aston #98 di Farfus e dalla Porsche #56 Project 1.

[Classifica]
WEC | 6 ore di Spa: Analisi BoP e Success Handicap

Seconda sessione wec spa prove libere

La sessione mattutina ha visto di nuovo Rebellion in testa con un 2:00.878 di Menezes. Le due Toyota sono separate da qualche centesimo, la #8 di Hartley gira in 2:01.438 e precede la #7 di Lopez. Sono proseguite anche le infrazioni per i limiti della pista, incluso uno Stop And Go per la Toyota #8 e la Ferrari #51 di Calado.

In LMP2 guida la #36 Signatech di Laurent in 2:03.371, dopo un incidente per la #29 Racing Team Nederland a Pouhon. La compagine olandese è comuque seconda davanti alla United autosport #22 (Di Resta, Alburquerque, Hanson) a quattro decimi.

In questa sessione è anche giunta la conferma che la vettura di Algarve Pro Racing non correrà dopo la positività al virus di Aubry e alcuni membri del team.

In GTE-PRO è stata una doppietta Aston Martin, con la #97 di Martin in 2:14.678, seguita a sei decimi dalla Aston #95 e a 13 decimi dalla Ferrari #71 di Molina.

La Porsche #56 guida la GTE-AM in 2:16.991, seguita dalla Ferrari #54 e dall’altra Project 1, la #57 di Fraga.

Immagini Porsche Motorsport

[Classifica]

Terza sessione

La terza sessione, che precede le qualifiche, ha subito un interruzione dopo poco più di mezz’ora a causa della rottura di un tombino per la pioggia a lato della pista. Le riparazioni hanno impiegato troppo tempo, e alla fine la sessione è stata chiusa definitvamente.

La Rebellion è sempre in testa, in 1:59.605,per la prima volta sotto i due minuti, ma le Toyota sono a 4 decimi con la #7 di Conway.

Primo posto per la #29 Racing Team Nederland di Van der Garde, in 2:03.170, seguito dalla #22 United Autosport di Di Resta a quasi cinque decimi e dalla #42 Cool Racing.

In GTE-PRO la Porsche #92 tenta il passo da qualifica in 2:14.558, seguito dalle due Ferrari, che con Pier Guidi non va oltre 2:15.539.

Continua a guidare in GTE-AM la Ferrari #83 AF Corse, grazie al Nielsen che segna un 2:16.833, seguito dallaAston #90 di Eastwood a 5 decimi e dalla Porsche #88 di Legeret.

[Classifica]

[Classifica complessiva]

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

WEC | Finalmente il ritorno all’azione: anteprima e orari TV della 6 Ore di Spa

 

 

 

Francesco Ghiloni

Studente universitario di Chimica e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.