WEC | Cetilar salta Sebring per donare i soldi della trasferta agli ospedali italiani

Gesto notevole da parte del team Cetilar Racing che decide di non partecipare alla 1000 Miglia di Sebring e di donare il denaro risparmiato agli ospedali italiani per far fronte all’emergenza coronavirus. Cetilar donazione coronavirus

Cetilar donazione coronavirus
La Dallara P217 Gibson del team Cetilar Racing alla 6 Ore di Austin, scorso appuntamento del FIA World Endurance Championship. Foto: P300.it

Decisione davvero saggia da parte del team Cetilar Racing, impegnato nel FIA World Endurance Championship in classe LMP2.  La scuderia dal cuore italiano ha infatti deciso di non partecipare alla 1000 Miglia di Sebring, sesto appuntamento della Season 8. Cetilar donazione coronavirus

 

La motivazione è legata all’emergenza coronavirus che sta colpendo fortemente anche e soprattutto l’Italia; Roberto Lacorte, pilota e Team Principal della squadra, ha deciso di non prendere parte alla seconda gara stagionale negli Stati Uniti e di donare l’intero guadagno alle unità di terapia intensiva dei diversi ospedali italiani che stanno combattendo contro l’epidemia.

Lacorte è vicepresidente e CEO di Pharmanutra SpA, una società farmaceutica dedicata allo sviluppo di integratori nutraceutici e dispositivi medici.

Il ritiro della Dallara P217 Gibson dell’equipaggio interamente italiano, formato da Roberto Lacorte, Andrea Belicchi e Giorgio Sernagiotto, segna il primo forfait in vista della ‘Super Sebring’.

Al momento, Cetilar Racing si trova all’ultimo posto nella classifica delle LMP2 a quota 30 punti.

Per quanto riguarda l’altro team italiano – AF Corse con 2 Ferrari 488 GTE EVO in GTE-Pro e 4 in GTE-Am – non ci dovrebbero essere problemi riguardo la trasferta.

Un portavoce della squadra ha infatti confermato che la squadra è in viaggio verso Sebring e dovrebbe prendere parte regolarmente alla gara.

Per restare aggiornati su Endurance e competizioni GT, seguici nel nostro canale Telegram!

WEC | Cassidy al debutto con Eurasia a Spa

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.