WEC | Glickenhaus avrà il supporto di Joest e Sauber, esordio in Hypercar a Spa

Gli ultimi aggiornamenti sulla Hypercar della Scuderia Cameron Glickenhaus: Joest fornirà supporto tecnico, Sauber la galleria del vento, esordio nel WEC a Spa

wec glickenhaus joest hypercar
Uno dei rendering della SCG 007

Il 2021 sarà l’anno delle Hypercar nel WEC, e mentre sono già stati avvistati i primi prototipi Toyota durante i test a Portimao, non si ferma il lavoro nella fabbrica di Podium Engineering in Val d’Aosta per completare la prima SCG007 per la Scuderia Cameron Glickenhaus.

wec glickenhaus joest hypercar
Le varie fasi dell’assemblaggio della prima 007

L’assemblaggio è iniziato poco prima di Natale, con moltissimi aggiornamenti forniti sui social dal fondatore e magnate del cinema James Glickenhaus. Dopo l’assemblaggio del tetto e l’installazione del serbatoio il primo chassis è stato unito per la prima volta al motore, un V8 biturbo disegnato dalla francese Pipo Moteurs e derivato dalle unità turbo usate in WRC da Hyundai.

Glickenhaus ha recentemente confermato a Sportscar365 che il primo telaio sarà completato e pronto per il roll out a Gennaio, mentre questa settimana arriverà la seconda monoscocca.

wec glickenhaus joest hypercar

“Lanceremo la macchina a gennaio e poi faremo un sacco di test e e altre preparazioni per i piloti a febbraio. A questo punto “congeleremo” l’auto e i piloti – sei o sette – e poi omologheremo l’auto”.

Secondo il fondatore i piloti saranno annunciati quindi a metà Marzo, dopo il test endurance da 30 ore con Michelin.

Questo chiaramente impedirà alla casa americana di prendere parte alla 1000 miglia di Sebring, prova inaugurale del WEC, ma questo non pare preoccupare il patron SCG:

“Primo, pensiamo che il WEC cancellerà Sebring, ma questa è solo la mia opinione e non so cosa succederà. Ma in secondo luogo, prima di correre devi omologare l’auto. E per omologare l’auto devi “congelare lo sviluppo e andare alla galleria del vento e confermare che l’auto rispetti i regolamenti”. Per andare a Sebring praticamente dovremmo consegnare le auto in sei settimane e questo non penso possa accadere. L’ACO sa che non saremo a Sebring. Ne son felici, perchè vogliono che abbiamo una buona auto fin dall’inizio.”

I regolamenti LMH infatti hanno un’omologazione di 5 anni in cui lo sviluppo è sostanzialmente congelato. La prova inaugurale della 007 sarà quindi la 6 ore di Spa il 1° maggio. Tuttavia secondo lo stesso Glickenhaus il WEC non correrà a Sebring per la situazione COVID, e il WEC potrebbe iniziare ad Aprile, forse a Monza.

Joest e Sauber tra i partner wec glickenhaus hypercar

wec glickenhaus joest hypercar
Il modello in scala al 60% nella galleria del vento Sauber

La galleria del vento impiegata da Podium Engineering, nonché quella che omologherà l’auto, è quella di Sauber a Hinwil, impiegata già dal team di F1, ma anche in passato da molti altri progetti, inclusa l’Audi R18. Il fatto era già noto agli addetti ai lavori, dopo che sono uscite le prime foto del modellino in scala al 60%, ma è ora ufficiale.

wec glickenhaus joest hypercar
Immagini SCG

“Sauber ha fatto l’aerodinamica per la 007. Credo che siano le persone migliori in questo campo”. Ci hanno fatto un bel prezzo e abbiamo pensato che, essendo la galleria del vento per le omologazioni, questo ci avrebbe aiutato un po’. Così non avremo una situazione in cui dopo aver sviluppato l’auto in un’altra galleria del vento avremmo scoperto, mentre eravamo lì, che si comportava in modo diverso. Sono stati coinvolti fin dall’inizio.

Non abbiamo ancora fatto il test in galleria del vento in scala reale. Lo faremo, quando l’auto sarà costruita. Ma siamo fiduciosi che la macchina passerà e sarà molto competitiva”.

Il team Joest invece sarà un partner nella gestione in pista. La squadra ha vinto per 15 Le Mans con Porsche e Audi, mentre recentemente ha gestito le Mazda DPi in IMSA.

La squadra corse Podium Engineering gestirà le due auto in pista, come già fa per la 004C al Nurburgring, ma la squadra tedesca fornirà un prezioso contributo ingegneristico nel primo approccio della squadra a Le Mans.

“Luca [Cianchetti, Team Principal WEC] ed io gestiremo la squadra in gara. Avremo certamente alcuni dei nostri ingegneri, ma è un buon rapporto. Hanno una squadra meravigliosa, con una storia e delle capacità fantastiche”. Quest’anno non correranno in DPi, quindi hanno un eccesso di capacità e andava bene ad entrambi”.

Una piccola curiosità: i numeri scelti sono 708 e 709, seguendo l’ordine delle vetture costruite da Podium Engineering (non contano quindi gli SCG Boot costruiti in America). Da quest’anno il WEC ammetterà infatti anche numeri con 3 cifre.


I piloti: parecchi nomi in lizza wec glickenhaus joest hypercar

Sono ancora avvolti nel mistero i nomi dei piloti coinvolti, anche se si sà che una vettura sarà schierata con il sostegno economico di un cliente, e che Richard Westbrook, ex-Ford e ex-Aston Martin, potrebbe essere coinvolto, dopo aver già corso la 24 ore del Nurburgring con la 004C.

“Penso sia giusto dire che le persone che guideranno in LMH saranno provenienti dalla Formula 1, LMP1 o LMP2. Sarà un mix di piloti molto esperti e di ragazzi giovani, veloci e promettenti.

“Ottenere dei piloti top, che vogliono vincere Le Mans, non è un compito difficile. Alcuni nomi sorprendenti vogliono fare dei test, e avremo dei grandi piloti. Non sarà un problema. A febbraio faremo dei test. A marzo prenderemo una decisione.

Il rapporto con Michelin

Michelin è già partner di Glickenhaus nel programma 004C e per il Boot che ha già corso e vinto due volte alla Baja 1000, e ovviamente come fornitore di prima scelta per le auto stradali. Come fornitore unico della classe Hypercar hanno già iniziato le simulazioni sulle gomme, che saranno ovviamente assai diverse in dimensioni e mescole rispetto alla Toyota ibrida e a trazione integrale.

Secondo Glickenhaus il principale vantaggio delle auto ibride sarà nel consumo di gomme:

“Il vantaggio che avranno le auto ibride è che essendo a trazione integrale, avranno meno degrado dei pneumatici

Pensiamo che l’ACO e il WEC saranno molto equi con noi”. Penso che vogliano davvero vederci competitivi, e penso che lo voglia anche la Toyota.

Siamo entrambi dove il WEC e l’ACO vogliono che siamo con le gomme. La Michelin migliorerà la situazione col passare del tempo, quindi probabilmente otterremo quattro stint.
Le prime gare saranno però un esercizio probante per tutti”

In ultimo luogo sulle possibilità di successo rimane ottimista:

Le persone che ci conoscono e sanno chi siamo non direbbero che è imposssibile per noi vincere e la 004C vincere la 24 ore del Nurburgring. E penso che la gente si renderà conto presto che la nostra 007 potrebbe vincere la 24 ore di Le Mans. Non dico che lo farà, ma che potrebbe.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

 

Si torna in pista: il calendario di tutte le gare Endurance e GT di gennaio

Francesco Ghiloni

Studente universitario di Chimica e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.