WEC | Rebellion annuncia il ritiro dalle corse

Dopo 13 anni nell’endurance e nel WEC Rebellion ha deciso il ritiro dal motorsport: la 24 ore di Le Mans 2020 sarà l’ultima gara della squadra svizzera. Interrotta la partnership con Peugeot per il ritorno del Leone a Le Mans nel 2022

rebellion wec ritiro
Foto www.michelinmotorsport.com

Con un comunicato stampa giunto senza alcun prevviso Rebellion ha annunciato questa mattina che concluderà le sue attività nel motorsport dopo la prossima 24 ore di Le Mans, il 13 e 14 giugno.

La decisione è giunta dopo una riunione del CDA, e si fa riferimento all’incremento della riconoscibilità del marchio di orologi, che ha raggiunto un livello soddisfacente a seguito dell’esposizione durante le gare del WEC e la 24 ore di Le Mans. rebellion ritiro wec

A dicembre Rebellion diventò il team ufficiale di Peugeot nel ritorno a Le Mans con una Hypercar previsto per il 2022, ma da questo annuncio pare evidente che così non sarà.

La squadra nacque nel 2008 come Team Speedy Racing/Sebah Automotive, e nel 2010 acquistò il nome di Rebellion Racing. Risale al 2014 la partecipazione con la Rebellion R-One, con cui vinse in quell’anno la 24 ore di Le Mans in classe LMP1-L, mentre nel 2017 trionfò nel WEC in LMP2. La prima vittoria assoluta nel WEC è stata alla 4 ore di Shanghai, in questa stagione, con la Rebellion R13, prodotta da ORECA, con cui da anni c’è una forte relazione.

“Ci dispiace non poter onorare gli impegni presi”

rebellion wec ritiro
La Rebellion #3 alla scorsa 24 ore di Le Mans

Nelle dichiarazioni di Alexandre Pesci, presidente di Rebellion e team principal di Rebellion Racing, c’è del rammarico per non essere in grado di proseguire la lunga storia del team e per gli impegni già presi con Peugeot:

“Il motorsport è stato una grande risorsa per REBELLION. I circuiti sono stati eccezionali palcoscenici e casse di risonanza per il marchio con una audience veramente vasta. Il ritorno sull’investimento di queste attività nel motorsport è sempre stato più che soddisfacente. Ci prenderemo del tempo per ridefinire i contorni dei nostri affari, ma gli effetti di queste decisioni saranno immediate per il Reparto Corse, non appena finirà la stagione del WEC.

Queste non sono decisioni facili da prendere e ci dispiace non poter continuare a onorare i nostri impegni per i prossimi anni.”

Calim Bouhandra, CEO di Rebellion, augura buona fortuna alla Peugeot nel suo ritorno nell’Endurance:

“La strategia di prodotto di REBELLION doveva cambiare! La 24 ore di le Mans 2020 sarà la nostra ultima gara e sarà per noi un punto d’onore finire la nostra avventura su una nota positiva e arricchire il nostro già eccellente palmares. Vogliamo ringraziare i nostri partners per la loro fiducia e per aver intrapreso così tante sfide insieme con uno spirito ribelle. Sono convinto che la nuova sfida di Peugeot nel WEC sarà un grande successo e mi dispiace che non potrò farne parte.”

Per rimanere aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT, seguici sul canale Telegram dedicato.

Segui anche il canale ufficiale di F1inGenerale

WEC | Le prime immagini della Glickenhaus 007, la Hypercar per la Le Mans 2021

 

 

 

Francesco Ghiloni

Studente universitario e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.