WRC | Rally Monte Carlo – Thierry Neuville è principe di Monte Carlo per la prima volta!

Dopo esserci andato vicino in un paio di occasioni, Thierry Neuville ha finalmente fatto suo il rally di Monte Carlo. Sconfitte le Toyota di Sebastien Ogier ed Elfyn Evans, che devono accontentarsi dei gradini più bassi del podio. Rally Monte Carlo WRC.

Rally Monte Carlo WRC
Thierry Neuville – Credit: Hyundai Motorsport

Il belga ha fatto bottino pieno, aggiungendo ai 25 punti della vittoria anche i 5 della power stage. Dopo sei successi di fila, Sebastien Ogier deve dunque cedere lo scettro ed accontentarsi della piazza d’onore. Rally Monte Carlo WRC.

Elfyn Evans, che aveva iniziato la domenica davanti a tutti, ha dovuto cedere due posizioni ed accontentarsi del gradino più basso del podio. Ma il gallese ha sfoderato una prestazione davvero eccezionale, rivelandosi come la vera sorpresa del weekend. Ancora presto per dirlo, ma il WRC ha forse trovato un quarto candidato al titolo, oltre ai soliti noti Ogier, Tanak e Neuville.

Kalle Rovanpera, al suo debutto su una WRC Plus, non ha commesso errori ed ha guidato in modo maturo, a dispetto dei suoi 19 anni. Il finlandese della Toyota ha completato il rally del Monte in quinta posizione assoluta, alle spalle della Ford Fiesta WRC del connazionale Esapekka Lappi.

PS 15/16

Thierry Neuville è irrefrenabile! Per lui è il quinto successo consecutivo di speciale. Sono 7 i secondi guadagnati su Evans ed adesso ha in mano la vittoria finale, poichè potrà gestire ben 11 secondi nella sedicesima ed ultima tappa. La lotta per la vittoria si è trasformata più che altro in un duello per la seconda piazza fra Elfyn Evans e Sebastien Ogier: solo un secondo e mezzo separa le due Toyota.

Domenica disastrosa invece per Sebastien Loeb: l’alsaziano ha sbagliato la scelta delle gomme, che adesso sono completamente distrutte. Questa è infatti stata la causa della sua uscita di strada, avvenuta nella quattordicesima speciale. Così il nove vole campione del mondo ha preferito proseguire con un’andatura lenta con l’unico obiettivo di portare a termine la prova, ma ha così perso la quinta posizione a vantaggio di Kalle Rovanpera.

  1. Thierry Neuville (Hyundai i20 Coupe WRC)
  2. Elfyn Evans (Toyota Yaris WRC) +11.1
  3. Sebastien Ogier (Toyota Yaris WRC) +12.6
  4. Esapekka Lappi (Ford Fiesta WRC) +3:02.8
  5. Kalle Rovanpera (Toyota Yaris WRC) +4:04.8
  6. Sebastien Loeb (Hyundai i20 Coupe WRC) +4:08.6
  7. Takamoto Katsuta (Toyota Yaris WRC) +11:12.9
  8. Eric Camilli (Citroen C3 R5) +13:09.1
  9. Teemu Suninen (Ford Fiesta WRC) +13:28.3
  10. Mads Ostberg (Citroen C3 R5) +13:51.8

PS 16/16 – Power Stage

Una power stage al fotofinish! Sia Thierry Neuville che Sebastien Ogier fermano il cronometro a 9:39.0. Ma la vittoria dell’ultima speciale, che assegna 5 punti aggiuntivi, va a Neuville per 16 millesimi! Beffa finale dunque per il pilota di Gap. Ogier è però riuscito a superare Evans nella generale ed a terminare secondo.

Da segnalare la prestazione di Teemu Suninen, che ha realizzato il terzo tempo ed ha aggiunto dunque tre punti ai quattro che ha ottenuto per l’ottava posizione nella generale. Un discreto bottino dopo il pessimo giovedì. Due punti aggiuntivi anche per Evans, quarto, ed uno per Lappi, quinto.

Nelle classi WRC2 e WRC3, vittoria per le Citroen C3 R5 di Mads Ostberg ed Eric Camilli.

Classifica finale Rally Monte Carlo 2020

  1. Thierry Neuville (Hyundai i20 Coupe WRC)
  2. Sebastien Ogier (Toyota Yaris WRC) +12.6
  3. Elfyn Evans (Toyota Yaris WRC) +14.3
  4. Esapekka Lappi (Ford Fiesta WRC) +3:09.0
  5. Kalle Rovanpera (Toyota Yaris WRC) +4:17.2
  6. Sebastien Loeb (Hyundai i20 Coupe WRC) +5:04.7
  7. Takamoto Katsuta (Toyota Yaris WRC) +11:27.9
  8. Teemu Suninen (Ford Fiesta WRC) +13:30.4
  9. Eric Camilli (Citroen C3 R5) +13:42.2
  10. Mads Ostberg (Citroen C3 R5) +14:21.8.

 

WRC | Il Cile non viene sostituito, calendario 2020 con 13 appuntamenti

mm

Elia Aliberti

Classe 1994, studente di ingegneria meccanica. Appassionatosi alla Formula 1 ed al motorsport fin da tenera età, sulle orme dei trionfi di Schumacher e della Ferrari