WTCR | Calendario 2020: si corre solo in Europa, ultimo round in Italia!

Ufficializzato il calendario rivisto del mondiale turismo 2020: 16 le gare che si svolgeranno su 6 diversi tracciati europei. Gran finale sul circuito di Adria. WTCR Calendario 2020.

WTCR Calendario 2020
Credit: FIA WTCR

Prima che il coronavirus mandasse all’aria i piani di tutte le categorie del motorsport e non solo, il WTCR 2020 prevedeva 10 appuntamenti, ciascuno con 2 gare. WTCR Calendario 2020.

I primi sei si sarebbero dovuti tenere in Europa e precisamente in Ungheria (Hungaroging), Germania (Nurburgring Nordschleife), Slovacchia (Slovakia Ring), Portogallo (Vila Real), Spagna (Aragon) ed Austria (Salzburgring); i quattro conclusivi in Asia: Cina (Nigbo), Sud Corea (Inje), Macao e l’ultimo in Malesia a Sepang.

Il calendario rivisto prevede che la stagione si disputi esclusivamente in Europa. Cinque dei sei circuiti erano già presenti nel precedente calendario, mentre è stata cancellata la doppia gara sul circuito cittadino di Vila Real.

La nuova stagione inizierà soltanto a settembre in Austria. Ma nel nuovo calendario appena approvato c’è una piacevole novità per tutti gli appassionati italiani.

Dopo le indiscrezioni che giravano da qualche giorno, adesso è arrivata l’ufficialità. L’ultimo round della stagione andrà in scena all’Adria International Raceway. Il circuito veneto, che attualmente misura 2,702 chilometri, si sta rifacendo il trucco e sarà più lungo di circa un chilometro. Il nuovo layout sarà dunque pronto per il weekend del 14 e 15 novembre, quando sarà la sede delle tre gare conclusive del campionato e dunque assegnerà il titolo 2020.

In quattro dei sei appuntamenti si disputeranno tre gare, mentre in quelli restanti se ne correranno soltanto due, per un totale di 16 gare che compongono il calendario del mondiale turismo 2020.

F1 | Accadde oggi, 26 maggio 1955: Ascari muore a Monza

mm

Elia Aliberti

Classe 1994, studente di ingegneria meccanica. Appassionatosi alla Formula 1 ed al motorsport fin da tenera età, sulle orme dei trionfi di Schumacher e della Ferrari