F1 | GP Turchia – Ferrari, Leclerc: “Abbiamo sbagliato il timing, potevamo vincere e ora sono solo deluso”

Charles Leclerc, che ha portato la sua Ferrari a sfiorare quasi la vittoria, commenta il GP di Turchia.Leclerc Turchia Ferrari

Charles Leclerc, che ha portato la sua Ferrari a sfiorare quasi la vittoria, commenta il GP di Turchia.

Con le condizioni della pista a Istanbul Bottas e Verstappen hanno deciso di rientrare ai box intorno al 36° giro. Ciò per le nuove inter che li avrebbero portati fino alla fine. Ma Leclerc, che aveva pedinato Verstappen prima dei pitstop, ha scelto di rimanere fuori. Sembrava che avesse fatto la cosa giusta poiché i suoi rivali non sono riusciti ad avvicinarsi a lui.


Leggi anche

F1 | Pagelle GP Turchia – Max mette la freccia; l’audacia non ripaga, ma a Maranello si può sorridere


Tuttavia, man mano che la pista si asciugava, Leclerc ha iniziato a soffrire sempre di più a causa del calo delle prestazioni delle gomme. Alla fine è stato costretto a rientrare ai box al giro 47 dopo aver appena perso il comando su Bottas.

Sebbene fosse in palio un posto tra i primi tre, Leclerc ha affermato di essere completamente a suo agio con le tattiche della Ferrari e ha ritenuto che in realtà non fosse una grande scommessa rimanere fuori.

“Ci abbiamo provato fino alla fine, erano strane le intermedie perchè noi andavamo più forte di chi aveva montato la nuova. Dopo 6-7 giri, quando andavi oltre al graining, andavi forte. Ci siamo fermati perchè perdavamo troppo, poi ho faticato con il graining. Quando sono uscito ho sentito che il grip al posteriore era poco, quando ho avuto graining davanti era tardi perchè Perez era davanti 5-6 secondi e il podio era già perso. E’ stata una bella macchina da guidare, soprattutto nel primo stint. E‘ stato un weekend positivo, anche se sono un po’deluso dal finale“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.