Moto3 | Sky Racing Team VR46 lascia la categoria al termine della stagione

Nella giornata dell’annuncio del passaggio di Marini in MotoGP, lo Sky Racing Team VR46 ha annunciato l’addio alla Moto3.

Foto: profilo Twitter @SkyRacingTeam

Le voci di un possibile disimpegno dello Sky Racing Team VR46 dalla classe Moto3, giravano da giorni. Oggi, con l’annuncio del passaggio di Marini in MotoGP con il team Avintia/Esponsorama, arriva anche l’annuncio ufficiale del disimpegno del team nella classe minore del Motomondiale.

I motivi che riconducono alla scelta di chiudere il team di Moto3 sono prevalentemente due: la promozione di Vietti nel team di Moto2 e la mancanza di piloti da far debuttare nella categoria.

Bisogna tenere conto anche del fatto che, a partire dall’anno prossimo, la livrea del team comparirà sulla Ducati di Marini che, nonostante correrà con il team di Ruben Xaus, avrà i colori del team Sky.

Il team quest’anno scendeva in pista con Celestino Vietti e Andrea Migno. Se Vietti andrà in Moto2 con lo stesso team, Migno rimarrà nella classe minore con il team Snipers, prendendo il posto di Tony Arbolino, diretto in Moto2 con Dynavolt.

Il team Sky Racing Team VR46 debuttò proprio in Moto3 nel 2014, allora la coppia era formata da Pecco Bagnaia e Romano Fenati. Se Bagnaia ha fatto carriera e, rimanendo seguito da Rossi, ha vinto il mondiale Moto2 e l’anno prossimo correrà nel team Ducati ufficiale, Fenati, dopo essere stato appiedato dal team e dopo aver tirato il freno a Manzi nel GP di San Marino 2018, è rientrato in Moto3.

Gli altri piloti passati per il team in Moto3 sono: Bulega (uscito dall’accademy l’anno scorso e attualmente impegnato in Moto2 con Gresini), Dalla Porta (campione del mondo Moto3 2019) e Dennis Foggia.

Per il 2021, il team rimarrà in Moto2 dove, dopo aver esordito nel 2017, ha raccolto maggior risultati e il suo unico mondiale nel 2018 con Bagnaia.  L’anno prossimo, il team tenterà l’attacco al mondiale con Marco Bezzecchi.

Seguici su Telegram

MotoGP | GP Europa – Sintesi Qualifiche: Pol Espargaro conquista la prima posizione, deludono le Ducati e i piloti Petronas

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico