Formula 1News Formula 1

F1 | Dopo l’incidente di Sainz in Cina, i team chiedono chiarezza alla FIA

I team hanno chiesto chiarezza alla FIA dopo l’incidente di Carlos Sainz nelle qualifiche del GP di Cina.

L’esito delle qualifiche del Gran Premio di Cina è rimasto in sospeso per qualche ora dopo l’incidente di Carlos Sainz. Il ferrarista, infatti, ha perso il controllo della sua vettura durante il Q2 riducendo poi a tornare ai box e portare a termine la sessione.

incidente sainz cina
I team hanno chiesto chiarezza alla FIA dopo l’incidente di Carlos Sainz nelle qualifiche del GP di Cina – Foto: @ferdosa2011 via X

Proprio questo è stato il punto su cui Aston Martin aveva intenzione di appellarsi per fare ricorso. Secondo il team di Lawrence Stroll, infatti, il regolamento vieta ad un pilota di riprendere la sessione dopo essersi fermato lungo il circuito.

La protesta non fu poi accolta in quanto, secondo quanto riportato dagli steward nel cominciato, l’articolo 39.6 del regolamento viene applicata solo le vettura in questione riceve aiuto da parte dei marshall, evento non verificatosi in occasione dell’incidente di Sainz.

I team chiedono chiarezza alla federazione 

Alla fine si tratta solo di fare chiarezza sulla vicenda. Abbiamo tante discussioni con i direttori di gara e dobbiamo accettare le loro decisioni”, ha dichiarato il direttore della performance della Aston Martin. “Speriamo che dopo la nostra protesta l’articolo venga reso più chiaro perché è evidente che ci sia dell’ambiguità”.

La questione è stata analizzata anche da Frederic Vasseur che si è detto d’accordo con Tom McCullough. “Noi abbiamo chiesto il permesso di tornare in pista e ci è stato dato. Però sicuramente va rivista la questione perché i regolamenti sono davvero troppo complessi ora”, ha dichiarato il Team Principal della Ferrari.

Non è la prima volta che la Federazione si trova a dover gestire situazioni di questo tipo. Era già successo ad Abi Dhabi nel controverso finale del mondiale 2021 o a Monaco poco dopo. Sicuramente la FIA è a lavoro per evitare che ciò riaccada anche in futuro. 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Fonte dell’immagine usata come copertina dell’articolo: AutoHebdo